L’Istituto comprensivo “Eugenio Pertini” di Trapani ha ricordato le vittime delle stragi di Capaci. In occasione del 28esimo anniversario dell’attentato mafioso del 23 maggio 1992, la scuola, guidata dalla dirigente Maria Laura Lombardo, ha organizzato diverse iniziative per tenere viva la memoria dei giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Antonio Montinaro ,Rocco Dicillo e Vito Schifani. L’istituto ha subito aderito all’iniziativa “Palermo chiama Italia” partecipando alla costruzione della “Nave virtuale della legalità”, cimentandosi nella produzione di  materiali multimediali di vario tipo che verranno inviati alla Fondazione “Falcone”. Gli studenti della “Pertini” sono stati poi coinvolti, con le rispettive famiglie, all’esposizione dalle loro case delle lenzuola bianche e del tricolore, preparando cartelloni e striscioni per gli edifici scolastici. Ieri pomeriggio hanno poi partecipato un meeting virtuale diretto dalla sede centrale dell’istituto intitolato proprio a Giovanni Falcone. In particolare, alcuni ragazzi della scuola secondaria di primo grado guidati dalle docenti di arte, hanno realizzato dei ritratti di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonino Montinaro.  Altri studenti hanno invece dato la voce ai ritratti, preparando dei pensieri maturati dallo studio delle vite dei giudici e degli agenti della scorta morti nell’attentato mafioso del 1992. Il coro dell’Istituto ha invece cantato la canzone “ Affacciati Sicilia” per rendere un omaggio ai familiari delle vittime di mafia e a tutti i cittadini siciliani che nel 1992 hanno esposto le lenzuola bianche dai loro balconi. Le ragazze del corpo di ballo della scuola, guidate dalla professoressa Maria Rosa Gandolfo, hanno invece tenuto un flashmob sulla canzone “Esseri Umani” di Marco Mengoni mentre i bambini della scuola dell’infanzia e delle classi prima e seconda primaria si sono cimentati nell’inno italiano realizzando dei video.

GUARDA IL SERVIZIO CON L’INTERVISTA ALLA DIRIGENTE MARIA LAURA LOMBARDO