Una scritta su un muro con vernice nera e una croce celtica

Vox Populi. Bellanova zecca rossa” è la scritta comparsa ieri, con una croce celtica accanto, sul muro di una casa a Marsala, non distante dal municipio, in riferimento al ministro dell’Agricoltura Teresa Bellanova. E’ l’ennesima scritta, sempre con vernice nera e simbologie nazifasciste, fatta a Marsala nelle ultime settimane. A metà maggio, scritte che dileggiavano Anna Frank erano comparse all’ingresso del porto e sul muro della banchina Colombo, mentre nella notte che ha preceduto il 25 aprile è stata imbrattata la targa in ricordo delle partigiane Francesca Alongi, Bice Cerè e Grazia Meningi, realizzata dal Comune su richiesta dell’Anpi e di altre associazioni, nel parco attrezzato sul lungomare Boeo. In entrambi i casi, c’era anche una svastica. Stesso segno lasciato lo scorso 27 gennaio, nel giorno della memoria per le vittime dell’Olocausto, vicino alla Fontana del vino di piazza Francesco Pizzo.

“Il becerume continua a sporcare i muri, le parole d’odio, sempre le stesse, continuano ad accanirsi con violenza contro Teresa Bellanova. Un veleno senza precedenti, un clima intossicato anche da una politica irresponsabile che con le sue parole dà fiato al branco. A Teresa dico: andiamo avanti, senza paura”.

ANSA