di Federico Tarantino

C’è tanta amarezza per il pareggio rimediato ieri sera al Marulla di Cosenza. Una gara ben giocata dal Trapani nonostante sia rimasto in dieci uomini per l’ultima mezz’ora a causa dell’espulsione di capitan Luca Pagliarulo. I granata avevano retto bene, con Fabrizio Castori abile nel leggere la partita, cercando di chiudersi e difendere il vantaggio acquisito in precedenza. Un pareggio per due a due rimediato al novantacinquesimo per via della zampata finale messa a segno da Asencio, con diversi errori della difesa trapanese. Il Trapani aveva ben giocato la partita ed era andato in vantaggio grazie al rigore trasformato da Taugourdeau e al raddoppio firmato da Nicola Dalmonte. Protagonista indiscusso a più riprese è stato il portiere Marco Carnesecchi, abile nel bloccare il rigore rossoblù e a fermare nella ripresa le varie offensive del Cosenza. Non è bastato però per vincere l’incontro. La sofferenza e la stanchezza hanno preso il sopravvento ed il Trapani conquista solamente un punto in classifica. Un pareggio che non complica la lotta per la salvezza, con Ascoli, Cremonese, Juve Stabia, Cosenza e Trapani rimaste sul proprio posto in classifica senza alcuna fuga. Venerdì i granata scenderanno nuovamente in campo per ospitare il Livorno, ma prima ci sarà l’appuntamento di questo pomeriggio sul fronte societario. Verrà discusso il CdA della società trapanese. Il presidente Pino Pace ed il consigliere Paolo Giuliano hanno già annunciato il loro passo indietro dagli incarichi proposti. Nodi che verranno discussi all’interno dell’assemblea dei soci in riunione insieme al Consiglio d’Amministrazione. Da sciogliere anche la posizione del consigliere Massimo Marino che si era riservato nel comunicare la propria decisione.

Vicende societarie per il momento non collegate direttamente con il campo, dove Fabrizio Castori recrimina per quanto accaduto ieri sera. Ascoltiamolo insieme al collega Roberto Occhiuzzi, intervenuti al termine del pareggio tra Cosenza e Trapani.