Collocata ai Giardini del Balio, dove sono presenti i busti degli uomini illustri ericini, una scultura bronzea dedicata a Giuseppe Pagoto (Erice 1875-Palermo 1971), educatore, storico e letterato ericino.

La scultura, realizzata con magistrale capacità artistica dal prof. Benvenuto Cafiero, è stata collocata dietro la panchina dove abitualmente il prof. Pagoto, in tarda età, amava sostare e riposarsi guardando lo splendido panorama che gli appariva di fronte costituito da una rigogliosa campagna a valle per giungere fino al mare dove, a sinistra, si erge Monte Cofano.

Giuseppe Pagoto (1875-1971) fu docente al Ginnasio di Erice in materie letterarie, Direttore del Ginnasio Guglielmo di Monreale, storico e letterato, conobbe e frequentò intellettuali del suo tempo come il medievista tedesco Ferdinand Gregorovius, l’archeologo Antonino Salinas, lo storico Gaetano Mario Columba; divenne amico dello scrittore inglese Samuel Butler e di Henry Festing Jones. Intrattenne rapporti culturali con Emanuele Biaggini, Bruno Flury, Nicoló Rodolico e il conte Agostino Pepoli. Buona parte del suo lavoro di storico e di ricercatore sia in stampa che manoscritto si trova conservato nella Biblioteca comunale di Erice.

Nel 1960 il Comune di Erice, come riconoscimento del suo impegno civico, con una solenne cerimonia, gli conferì una Medaglia d’oro di benemerenza, nel 1979 gli venne intitolata una Scuola Media in Erice Casa Santa e nel 2018 una via nel Centro Storico in prossimità della sua casa natale.

Hanno collaborato all’iniziativa il Comune di Erice, la Fondazione Erice e il GAE (Gruppo Archeologico Erykinon).