Una lunga lettera dettagliata sullo stato di salute del club granata. Questo è ciò che ha scritto Alivision Transport, socio unico del Trapani Calcio, in una mail indirizzata al sindaco Giacomo Tranchida, ieri. In sintesi, la situazione attuale e gli scenari futuri; ad iniziare dall’iscrizione in Lega Pro garantita ancora una volta nero su bianco. La famiglia Petroni ha ribadito, così come nel comunicato di venerdì scorso, di “non voler imporre a tutti i costi la propria presenza” nel futuro societario, lasciando aperta ogni possibilità di progetti imprenditoriali locali nelle mani del primo cittadino. Da parte sua, adesso, Tranchida vorrebbe  convocare, a strettissimo giro, una conferenza stampa, aperta anche alla tifoseria, per rappresentare la disponibilità di Alivision a fare un passo indietro ed invitare le “cordate locali” uscite sui media nei giorni scorsi a farsi avanti per il bene del Trapani Calcio. Il primo cittadino non vuole essere il regista ne il mediatore di eventuali cessioni ma semplicemente mettere a disposizione i tavoli istituzionali necessari per eventuali sintesi fra le parti. Un modo anche per portare allo scoperto questi potenziali investitori in vista della scadenza del 24 agosto, data ultima per l’iscrizione in Lega Pro.