di Fabio Pace

Mentre scriviamo le fiamme devastano ancora l’impianto di contrada Belvedere dove la Trapani Servizi, società in house del Comune di Trapani, tratta i rifiuti del comprensorio comunale e di decine di altri comuni dell’hinterland. Le fiamme, secondo una prima ricostruzioni hanno avuto origine nelle campagne prossime alla struttura, forse accese a causa della improvvida pratica dell’incendio delle sterpaglie per rinnovare i campi. Poi il forte vento di scirocco le ha indirizzate verso l’impianto dove hanno attaccato le ecoballe, i rifiuti ammassati nell’area di trattamento esterna e poi verso i capannoni. Il primo intervento del personale dell’impianto non è stato sufficiente per spegnere le fiamme, sono dovute intervenire i vigili del fuoco. Dall’incendio, difficile da spegnere anche perché alimentato da tonnellate di materiale infiammabile, si leva una colonna di fumo, densa e acre, carica di polveri pesanti e polveri sottili frutto della combustione. Ancora presto per quantificare i danni, ma è certo che l’incendio metterà in ginocchio per alcuni giorni, se non addirittura settimane, il sistema della raccolta e trattamento dei rifiuti, con gravi conseguenze operative e di costi per la gestione della parte finale del ciclo di trattamento.