di Federico Tarantino

Giornata convulsa quella di ieri in casa Trapani Calcio. Il comitato dei tifosi “C’è chi il Trapani lo ama” aveva avanzato sabato al notaio Saverio Camilleri l’ultima proposta per l’acquisto delle quote societarie. Una trattativa saltata nella serata di ieri, quando sembrerebbe che Fabio Petroni e Alivision abbiano cambiato le condizioni di cessione del club. Con questo tentativo non concluso da parte del Comitato, si va, per il momento, verso l’accoppiata Alivision-Gianluca Pellino. L’imprenditore di Avezzano avrebbe acquistato il 10% del club e dovrebbe arrivare a Trapani nella serata odierna insieme al mister designato Oberdan Biagioni. Intanto, il nuovo investitore ha dato comunicazione al Trapani della sospensione degli allenamenti fino a domani, così come ha comunicato ai ragazzi il silenzio stampa.  Una comunicazione interna, per il momento, visto che nei canali ufficiali della società granata non vi è alcuna traccia ed i giornalisti non sono stati informati dal club di questi provvedimenti. Oggi il Tar del Lazio entrerà nel merito del ricorso presentato dal Trapani sul format del campionato di serie B. La società granata sostiene che il campionato cadetto si deve svolgere con 22 formazioni e che le 20 squadre rappresenterebbero un’eccezione alla norma prevista dall’articolo 49 delle norme organizzative interne della Figc. Il Collegio di Garanzia del Coni aveva già respinto il ricorso granata, in sede amministrativa, invece, il Tar del Lazio, lo scorso 3 settembre aveva deciso di non applicare la sospensione cautelare. Oggi l’udienza pubblica nella quale il giudice amministrativo entrerà nel merito del ricorso.