Le parti hanno nominato i rispettivi consulenti

Si svolgerà questo pomeriggio l’autopsia sul corpicino del neonato che una 17enne trapanese avrebbe ucciso venerdì scorso lanciandolo dal balcone della sua abitazione a Trapani. Il pubblico ministero, che ha provvisoriamente imputato la ragazza di omicidio, ha indicato perito dell’accusa i professori Procaccianti e Maresi dell’istituto di medicina legale di Palermo “Paolo Giaccone”, la difesa della ragazza, sostenuta dall’avvocato Nino Sugameli ha indicato invece come perito di parte il medico legale Gaetano Vivona. L’autopsia dovrà accertare se il bambino fosse vivo o morto al momento dell’impatto al suolo. La ragazza, dopo le cure mediche per il parto e le visite presso l’ospedale Sant’Antonio Abate, è stata trasferita in una struttura protetta lontano da Trapani, ma secondo indiscrezioni potrebbe addirittura essere allontanata dalla Sicilia.