Dopo tre settimane la Sigel Marsala Volley può fare ritorno in campo per il campionato di serie A2. In occasione della decima giornata e la prima di ritorno nel girone ovest la squadra di coach Amadio si scontrerà, domani a partire dalle 14, al PalaBellina con la Geovillage Hermaea Olbia.

Le galluresi nelle cinque partite di torneo in cui sono state impegnate hanno totalizzato finora otto punti, uno dei quali nella gara di apertura al PalaAltoGusto del Geovillage nel tie-break perso proprio contro Marsala. Dopo l’occasione dell’incontro inaugurale di torneo contro le lilybetane di incontri prolungatisi all’appello del quinto set la formazione sarda ne ha giocati ulteriori tre (Mondovì, Pinerolo e Montale) che portano così il computo a quattro complessivi, uscendo vittoriosa dalla contesa una sola volta sfatando lo speciale tabù alla quinta giornata a Castelnuovo Rangone contro l’Exacer Montale. Prima di avere rinviate le ultime tre partite del girone ascendente, Geovillage Hermaea Olbia del capitano ed ex bandiera della Nazionale Jenny Barazza stava attraversando un discreto periodo di forma derivante non solo dal già citato successo di misura ottenuto in infrasettimanale in Emilia, ma soprattutto dalla briosa esibizione casalinga che ha fruttato il primo “pieno” stagionale contro una Green Warriors Sassuolo recatasi in Sardegna da seconda forza del girone e regolata in soli tre set. Prima dello stop causa Covid la prossima avversaria allenata da Emiliano Giandomenico proveniva così da due vittorie consecutive.

Quella di domani, innanzitutto, sarà una partita che segna il ritorno delle beniamine di casa dopo più di un mese (Sigel Marsala-Barricalla Cus Torino 3-2 dell’11 ottobre scorso, ndr) nella loro palestra che presenterà, come noto, la misura restrittiva delle “porte chiuse”. L’accesso alla struttura sarà regolamentato da procedure atte a mitigare e a prevenire il rischio di contagio da SARS-CoV-2, nella scrupolosa osservanza delle attuali prescrizioni in materia sanitaria, rientrando la gara di volley tra le manifestazioni sportive di alto livello riconosciute da C.O.N.I e FIPAV.

Mi aspetto che ricominciamo da dove avevamo lasciato, con la stessa voglia di giocarci la partita per vincerla. Di certo è mancata la partita la domenica riflette l’head coach delle azzurreÈ mancata quella bella routine settimanale che tanto ci piace, però è una cosa che accomuna tutti e che ad inizio anno si poteva immaginare potesse succedere. Anzi, dobbiamo essere contenti che dopo questi stop forzati, ci venga data domenica la possibilità di scendere in campo. Su questo punto faccio un plauso alla società per gli sforzi che fa per continuare a mantenere viva la stagione e che in queste settimane è stata disponibile oltre il normale. Ribadisco: c’è mancata la domenica e penso di poter parlare a nome delle mie atlete, le quali non vedono l’ora di scendere nuovamente in campo“.