«Garantire e potenziare l’assistenza psicologica ai pazienti affetti da Covid-19 e incrementare il personale in servizio nelle strutture ospedaliere del territorio impegnate nel fronteggiare il Coronavirus». È quanto chiede la Cgil di Trapani con una lettera inviata al Commissario straordinario e al Direttore sanitario dell’Asp di Trapani. «Nelle ultime settimane – dicono il segretario generale della Cgil di Trapani Filippo Cutrona e la componente della segreteria provinciale della Cgil Antonella Granello – abbiamo raccolto le segnalazioni dei cittadini rispetto alla carenza di una adeguata assistenza psicologica garantita ai pazienti in isolamento domiciliare. Riteniamo importante che l’Asp abbia attivato l’assistenza psicologica telefonica, ma è indispensabile potenziare il servizio».La Cgil interviene, inoltre, sulla carenza di personale medico, infermieristico e ausiliario negli ospedali del territorio. «Nell’ultimo mese – dicono Cutrona e Granello – l’aumento dei Covid positivi ha sovraccaricato le strutture ospedaliere con turni di lavoro massacranti. Medici e personale sanitario lavorano in strutture sottodimensionate che andrebbero dotate, in questa fase di emergenza, di maggiore organico per garantire migliori condizioni di lavoro e una adeguata assistenza ai pazienti. Inoltre, per quanto riguarda i cittadini in isolamento domiciliare abbiamo raccolto diverse segnalazioni rispetto ai ritardi nell’esecuzione dei tamponi e nella comunicazione dell’esito». «Senza dubbio – concludono – l’eccessivo carico di lavoro coinvolge anche le Usca che nonostante l’incessante attività non riescono a far fronte in tempi rapidi alle richieste dei cittadini».La Cgil chiede, pertanto, che siano assicurati e potenziati tutti i servizi sanitari per garantire migliori condizioni di lavoro ai dipendenti dell’Asp e maggiore assistenza all’utenza.