Presidente Massimo Marino, l’immancabile domanda sul Covid: che anno è stato per l’emittenza siciliana?

Potete immaginarlo…, commercianti in grande difficoltà per sostenere investimenti pubblicitari e chi, come noi, reputa “un dovere” l’informazione al territorio, anche e soprattutto in momenti difficili come quelli che abbiamo e stiamo ancora attraversando, restare ogni giorno per strada ad informare il cittadino di tutto ciò che accade ha fatto si che la sostenibilità economica è stata difficile per il 2020. Infatti, restare “ogni giorno con Voi” (parafrasando uni dei pay off societari) ha comportato l’impossibilità del Gruppo Editoriale di ricorrere alla Cassa Integrazione totale a differenza di ciò che hanno scelto tanti – comprensibilmente – in altri settori produttivi. Una decisione, tuttavia, fatta con la consapevolezza di ciò che rappresenta Telesud in Sicilia condivisa con i nostri collaboratori – che non finirò mai di ringraziare per l’abnegazione dimostrata in questi mesi – decidendo di restare sul campo con tutto il timore che la pandemia poteva incutere in ognuno di loro per la salute personale e dei loro cari.

Passiamo ai progetti futuri e come si è preparata l’emittente alla potenziale “ripartenza”.

In questi mesi abbiamo pensato a dare “una rinfrescata” alla nostra sede. Esterna e soprattutto interna con degli studi completamente nuovi che vedranno, nei prossimi giorni, la presentazione della nuova “ammiraglia” dell’informazione del Gruppo che manderà in pensione – meritatissima direi…- II Repubblica. Ovviamente non vi svelo la sorpresa. Oggi Telesud si presenta al mercato ancora come l’unica, se non mi sbaglio…, emittente siciliana che va in onda in fullHD segno di una Azienda al passo con i tempi, consapevole che l’informazione deve andare a braccetto con “la presentazione”, anche estetica, della notizia. In epoca ormai 3.0 è impensabile restare a fare televisione – scelta, non me ne vogliano.., che tanti miei colleghi hanno ritenuto di continuare a fare – come 20/30 anni fa; altrimenti, meglio chiudere e passare a fare informazione da casa come i tanti i siti o sitarelli che ormai invadono il web (per carità, ben consapevoli dell’importanza di questo mondo sul quale, fra l’altro, crediamo fermamente investendo anche in questo ramo d’azienda, pur restando il nostro core business il digitale terrestre, confortati ampiamente dai numeri degli ascolti che ogni giorno ci premiano).

La prima parte della domanda era sui progetti futuri…, resta abbottonato Presidente?

Assolutamente, rispondo con piacere anche a questa domanda. Il Gruppo, assieme ad un imprenditore molto presente sul territorio tanto visionario come il sottoscritto a maggior ragione in momenti di crisi come quelli che stiamo attraversando…, sta lavorando ad “una struttura parallela” (sinergica al settore) che probabilmente rappresenterà “un unicum” dalle nostre parti. Sarà logisticamente strategica “al brand” e permetterà di creare valore aggiunto per Telesud ma anche a tutto ciò che è informazione, comunicazione e spettacolo (a tutto tondo) sul territorio. O almeno, questa sarà la sua mission aziendale. Ovviamente, anche in questo caso non è che ne sveli i dettagli; del resto sarà operativa a brevissimo, quindi non ci sarà molto da attendere per la “sua presentazione ufficiale”. Insomma, davvero “non ci fermiamo mai”…