E’ accaduto a Petrosino

Sono chiusi a casa perché contagiati dal coronavirus e non hanno nessuno che possa fare per loro la spesa. Così alcuni agenti della polizia municipale di Petrosino decidono di acquistare beni di prima necessità a proprie spese e di farli recapitare ai quattro che stanno svolgendo la quarantena.

E’ il sindaco di Petrosino Gaspare Giacalone a rendere noto, attraverso la sua pagina facebook, l’accaduto ringraziando i “suoi” agenti per la grande solidarietà.

Ecco cosa ha scritto: “La bontà è più contagiosa del covid e non ha colore. Sabato pomeriggio i miei vigili urbani vengono a sapere che quattro cittadini di origine tunisina contagiati dal covid e residenti nel territorio comunale di Petrosino sono senza più cibo e non hanno nessuno che li possa aiutare mentre sono in quarantena. I vigili non ci pensano due volte e velocemente – senza dire niente a nessuno – mettono le mani in tasca, raccolgono quanto basta per fare la spesa e portarla a quei 4 ragazzi. Ripetono la cosa anche domenica e oggi. Sono orgoglioso di loro, sono orgoglioso di questa umanità contagiosa”