C’è tempo fino al 25 gennaio 2021 per presentare la domanda di iscrizione alle scuole comunali dell’Infanzia paritarie ed alla sezione Primavera per l’anno scolastico 2021/2022.

Lo prevede un avviso del Settore Pubblica Istruzione con il quale è stato reso noto, in ottemperanza alle disposizioni contenute nelle disposizioni nazionali impartite dal MIUR, l’apertura delle iscrizioni alle Scuole comunali dell’Infanzia Paritarie ed alla Sezione Primavera del Comune di Erice, per l’anno scolastico 2021/2022.

Possono accedere alle scuole comunali dell’Infanzia i bambini che compiono 3 anni entro il 31 dicembre 2021. Possono, altresì, essere iscritti le bambine e i bambini che compiano tre anni di età dopo il 31 dicembre 2021 e comunque non oltre il termine del 30 aprile 2022.

La sezione primavera, che è allocata nel plesso di via Cosenza (nella foto), accoglie i bambini che compiono i 24 mesi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre dell’anno scolastico di riferimento, e dunque entro il 31 dicembre 2021. I bambini che compiono i 24 mesi tra il 1° settembre e il 31 dicembre potranno cominciare a frequentare solo dopo il compimento dei due anni.

Le domande dovranno essere presentate entro il 25 Gennaio 2021 da uno dei genitori o da chi esercita la potestà sul minore, che dovrà compilare e sottoscrivere la domanda d’iscrizione, ai sensi del D.P.R. 445/00, da trasmettere esclusivamente via mail all’indirizzo PEC protocollo@pec.comune.erice.tp.it oppure all’indirizzo istruzione@comune.erice.tp.it utilizzando gli appositi moduli scaricabili dalla sezione “Modulistica” del Settore II – Sport e Pubblica Istruzione del sito internet del Comune di Erice.

I criteri generali per il funzionamento della Sezione Primavera, tratti dal Regolamento approvato dal Consiglio comunale con deliberazione n. 134 del 29.11.2010, sono allegati all’avviso.

Per l’ammissione, qualora il numero delle domande di iscrizione risultasse superiore al numero dei posti disponibili, verrà formulata apposita graduatoria secondo i criteri di precedenza indicati nel regolamento comunale.