In campo, ma con la consapevolezza che bisogna migliorare. La Pallacanestro Trapani, oggi, riprende gli allenamenti, dopo il giorno di riposo concesso alla formazione granata a seguito della partita disputata e persa in quel di Verona. Una settimana importante per il team trapanese, che sta vivendo uno dei momenti più difficili da quando la squadra del presidente Pietro Basciano milita in serie A2. I granata, infatti, nelle dieci gare disputate hanno conquistato solamente tre vittorie. Un bottino magro che mette la Pallacanestro Trapani in classifica davanti solamente a Biella e Bergamo, prossimo avversario della 2B Control.

Una partenza a singhiozzo, che paragonata con le stagioni in serie A2 dell’era Basciano è la peggiore di sempre. Un trend da invertire e che Daniele Parente ha già saputo farlo nelle scorse stagioni. La Pallacanestro Trapani di coach Daniele Parente, storicamente, infatti, tende ad avere un partenza incerta, per poi crescere nella fase centrale e finale del torneo. Un andamento che l’ambiente trapanese spera di replicare anche in quest’annata assai difficile di per sé.

L’assenza del pubblico, il mancato incasso dai botteghini e dagli sponsor, il protocollo sanitario ed i tamponi mettono la stagione sportiva 2020/2021 sui generis e al termine dall’anno i club di pallacanestro dovranno fare la conta dei morti e dei feriti in termini economici. Nel frattempo si deve pensare al futuro immediato che mette la Pallacanestro Trapani difronte a Bergamo con l’obbligo di vincere per risalire e dare fiducia ad un gruppo che non ha mai potuto giocare insieme in nessuna occasione da quando è iniziato il campionato di serie A2.