I militari hanno notato una colonna di fumo nero proveniente da un’area vicina ad un camping.

I Carabinieri della Stazione di San Vito Lo Capo e i Carabinieri Forestali del Centro Anticrimine Natura di Palermo – Nucleo Cites – Distaccamento di Trapani, hanno denunciato tre persone ritenute responsabili del reato di combustione illecita di rifiuti in concorso e, contestualmente, hanno proceduto al sequestro penale di un’area pari a circa 200 mq in cui erano stati collocati i rifiuti speciali combusti.

In particolare, nel corso del servizio, i militari hanno notato una colonna di fumo nero proveniente da un’area limitrofa ad un camping, nel territorio comunale di San Vito Lo Capo

Risaliti al luogo da cui si sprigionava il fumo, i Carabinieri hanno riscontrato la presenza di rifiuti in fiamme: cumuli di sfalci di potatura, mobili rivestiti in formaldeide, diversi metri di prato sintetico generalmente usato per fondo di campo sportivo, bombolette spray e altri scarti di materiale plastico. I militari dell’Arma hanno richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Trapani che hanno domato il rogo evitando, così, l’ulteriore disperdersi nell’aria di sostanze potenzialmente nocive.

Sul posto non era presente nessuno che potesse controllare la combustione in atto tuttavia, nel corso degli accertamenti svolti, i Carabinieri sono riusciti ad individuare in breve tempo i presunti responsabili del reato, tra cui il legale rappresentante della società che gestisce il camping sito in prossimità del litorale marino.