Quattro topi d’appartamento (tre uomini ed una donna) di età compresa tra i 23 ed i 38 anni, sono stati arrestati dai Carabinieri di Alcamo con l’accusa di furto e tentato furto aggravati in concorso. Il provvedimento scaturisce dalle indagini avviate dai Carabinieri dopo l’aumento dei furti in abitazione nel Comune di Alcamo, che hanno destato grande allarme sociale. Attraverso l’analisi dei sistemi di videosorveglianza e alcune testimonianze, i militari sono riusciti ad individuare i giovani come i responsabili di tre diversi episodi di furto, di cui uno non portato a compimento per l’intervento del proprietario di casa. I furti sono avvenuti tra ottobre e novembre, dunque in pieno periodo di restrizioni inerenti il Covid. I ladri, individuata l’abitazione da svaligiare, effettuavano un sopralluogo preventivo e, una volta appurata l’assenza dei proprietari, uno di loro forzava la porta di ingresso introducendosi ed rubando quanto di loro interesse, mentre gli altri attendevano fuori con compiti di “palo”. Dopo l’azione criminosa il gruppo si dava subito alla fuga, facendo perdere le proprie tracce. Nella maggior parte dei casi gli oggetti rubati erano di poco valore, per un ammontare di circa mille euro. I topi d’appartamento sono ora agli arresti domiciliari.