Calvario finito, assolto in Appello un giovane gambiano

345

Verdetto ribaltato. E’ stato, infatti, assolto in Appello Muhammed Camara di 21 anni, originario del Gambia, ma domiciliato a Marsala. In primo grado era stato condannato, per il reato di ricettazione,con il rito abbreviato, a tre mesi di reclusione.

La sentenza è stata emessa dalla seconda sezione penale della Corte d’appello di Palermo che ha accolto la tesi dell’avvocato Ornella Cialona, difensore dell’imputato.

Il gambiano, assieme ad un giovane senegalese, aveva comprato uno scooter Aprilia Scarabeo che era stato rubato nel 2020. Il proprietario, Salvatore Renda, aveva sporto denuncia.

Trovati in possesso del mezzo di provenienza furtiva i due erano stati denunciati e condannati, nel settembre del 2021, dal Gup del tribunale di Marsala, Francesco Parrinello, che aveva accolto la richiesta avanzata dal Pm Maria Milia. Contro la condanna il gambiano ha fatto ricorso ed ora è arrivata per lui l’assoluzione.

“Nel corso dell’istruttoria dibattimentale – spiega l’avvocato Ornella Cialona – non era stata raggiunta la prova della responsabilità penale del mio assistito in merito al reato che gli veniva contestato. Ed, infatti, – prosegue il legale – non era stato dimostrato che il bene oggetto di ricettazione fosse stato acquistato da Camara, né che ne fosse nella sua disponibilità. Infatti – conclude – sono stati chiamati a rispondere del reato di ricettazione due soggetti”. Cialona, pertanto, ha chiesto l’assoluzione del gambiano “per l’inesistenza di prove a suo carico”.

GUARDA IL SERVIZIO ANDATO IN ONDA NEL TG