“Giornata della memoria e dell’impegno”. L’impegno di Martina Ferracane con i giovani e la loro formazione

40

Ogni anno come oggi, 21 marzo, primo giorno di primavera, l’Associazione Libera celebra la “Giornata della memoria e dell’impegno” in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Diversi i messaggi e e iniziative utili a ricordare, nonostante le limitazioni imposte dalla pandemia. Tra i più ‘significativi’, pubblicato sul suo profilo facebook, quello di Martina Ferracane, marsalese, presidente del FAbLab Western Sicily, un’associazione no profit che ha fondato nel 2015 e che mira a promuovere educazione digitale d’eccellenza nelle scuole siciliane e della provincia di Trapani, che sogna un mondo in cui le politiche pubbliche possano sfruttare al meglio la rivoluzione digitale per educare, sostenere e promuovere il benessere di tutti i cittadini. “La mafia si combatte in tanti modi. Uno di questi è l’impegno con i giovani, offrendo loro opportunità, punti di vista e competenze. Formando i cittadini di domani si può sperare in un mondo migliore piantando dei semi che diventeranno alberi rigogliosi tra 10 o forse 20 anni. Nonostante la pandemia, il FabLab Western Sicily quest’anno sta formando circa 200 studenti di Trapani, Marsala e Pantelleria. Un impegno di cui probabilmente vedremo il risultato tra 20 anni e che, sommato all’impegno delle tante realtà che lavorano oggi nel sociale, può far sperare in un futuro dove non c’è spazio per la mafia. Oggi è la giornata della memoria, ma anche dell’impegno. Del rimboccarsi le maniche per costruire una Sicilia migliore per i nostri giovani e con i nostri giovani”.