Impresa infranta…sulla sirena

106

Una sconfitta per la Pallacanestro Trapani che arriva solo sul finale. Cantù passa il turno di SuperCoppa. Finisce 72-74

E’ finita così. Con questo tiro e con il suono della sirena. Gli dei del basket non hanno voluto essere dalla parte della Pallacanestro Trapani che sinceramente avrebbe meritato il passaggio alle Final Four di Supercoppa. Forse sono stati anche un po’ dispettosi. Un tiro da tre, quello di Massone, entrato e sputato fuori dal ferro. Insomma, quando il destino è scritto…Due squadre completamente diverse, con obiettivi diversi. Meo Sacchetti in panchina e un roster costruito, grazie ad un grande investimento economico, per fare il salto di categoria. Una squadra, quella granata, che deve creare il suo destino partita dopo partita. Una gara partita male per i ragazzi di coach Parente che però reagiscono e praticamente conducono per 35 minuti. Poi qualche errore di troppo permette agli ospiti di rientrare e condurre di due fino a quel tiro diventato maledetto. 18 i punti realizzati da capitan Mollura, 13 per Jenkins, 11 a testa per Dieng e Romeo. Non pervenuto invece Carter, non solo per i soli 4 punti realizzati, ma troppo brutto per essere vero. Non in splendida forma neanche gli arbitri, protagonisti di qualche scelta non condivisibile. Ecco il commento di coach Parente al termine della partita.

ASCOLTA L’INTERVISTA