Il Consiglio dell’Ordine dei Notai dei Distretti Riuniti di Trapani e Marsala e la Direzione della Casa di Reclusione “Pietro Cerulli” di Trapani, oggi hanno sottoscritto una Convenzione per un ciclo di incontri, di percorsi formativi e di consulenze per la popolazione detenuta.

Chi vive la condizione di privazione della libertà pur titolare di diritti ha dei forti limiti ad esercitarli. La convenzione tra i Notai dei Distretti Riuniti di Trapani e Marsala e la direzione del carcere Pietro Cerulli di Trapani muove in direzione del superamento di questi limiti. I notai periodicamente terranno nelle carceri conferenze, su tematiche socio/giuridiche di interesse generale, nonché l’erogazione, in relazione a specifiche istanze formulate dai detenuti, di un servizio gratuito di consulenza notarile.

“Il Consiglio Notarile di Trapani – ha detto il Presidente dell’Ordine dei Notai Massimo Petralia – offre già presso il proprio sito internet uno sportello telematico di consulenza gratuita per i cittadini e dunque ancor di più deve essere fatto per coloro che, trovandosi in una fase particolare della propria esistenza e versando in condizioni di sensibile disagio economico, trovano maggiori impedimenti nella piena esplicazione dei propri diritti. Il Notariato è istituzionalmente e per propria vocazione al fianco e a tutela dei soggetti più deboli ed è sempre pronto a sostenere e promuovere iniziative volte a ridurre ogni forma di sperequazione od asimmetria informativa.”

“Siamo grati per la disponibilità dei Notai, è questa una importante occasione che viene offerta ai detenuti trapanesi – ha detto il Direttore della Casa di Reclusione Dott. Fabio Prestopino – un modo per portare i detenuti “fuori dal Carcere”, venendo loro incontro e mettendoli nelle condizioni di attingere a consulenze ed informazioni professionali completamente a titolo gratuito”.

ASCOLTA LE INTERVISTE AL DIRETTORE DEL CARCERE DI TRAPANI ED AL PRESIDENTE DELL’ORDINE DEI NOTAI DI TRAPANI E MARSALA