LO CURTO: PRESENZA TONINELLI IN PROVINCIA DI TRAPANI ENNESIMA SCENEGGIATA

197

“Il ministro Toninelli, in piena campagna elettorale, in
provincia di Trapani, oggi si è prodotto in una sceneggiata
corroborata da dosi copiose di ipocrisia perdendo una straordinaria
occasione per dimostrarsi all’altezza del ruolo che svolge sia da
Ministro delle Infrastrutture, sia da leader di un partito che in
Sicilia è stato complice: all’Assemblea regionale siciliana dello
smantellamento delle province; a Roma del prelievo forzoso che le sta
mandando in default, chiesto peraltro solo alle province siciliane; e
protagonista in quel governo nazionale che è pronto a dar vita
all’autonomia differenziata con la quale saranno sottratte ulteriori
risorse al sud a favore delle regioni ricche del nord da cui proviene
Toninelli”. Lo afferma Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc all’Assemblea
regionale siciliana,  che aggiunge “caro Ministro non abbiamo bisogno
di ipocriti sermoni e meno che mai di sterile propaganda che offende
l’intelligenza e la coscienza dei siciliani. Dimostri – prosegue Lo
Curto  – di sapere cosa il suo ruolo le impone, oltre la cinica
contrapposizione politica, con interventi concreti e senza inutili
scorribande in territori nei quali esistono sindaci con i quali era
corretto che un uomo di governo si rapportasse. In questa Regione e
nella provincia di Trapani ci sono Sindaci eroi, lasciati soli dal
governo Conte, che si battono per le loro comunità ricevendo
l’attenzione del governo Musumeci e della deputazione regionale. Per
smentire Toninelli – continua Eleonora Lo Curto – bastano gli atti
posti in essere, sin dall’inizio della legislatura regionale dal
governo Musumeci che si è dovuto confrontare con emergenze e questioni
di vitale importanza: rifiuti, alluvioni, dissesto idrogeologico.
Quanto alla viabilità, Toninelli – riprende l’Udc Lo Curto – è stato
sanzionato con i fatti dall’assessore Falcone, che cifre alla mano ha
risposto alle sterili frasi che suggeritori poco informati, disattenti
e improvvisati fanno pronunciare, propalando falsità, al Ministro. I
siciliani sanno che il governo regionale ha già stanziato 7 milioni di
euro per i primi cantieri sulle strade provinciali. Personalmente da
deputato eletto nella provincia di Trapani, proprio la scorsa
settimana, con il capo della protezione civile regionale Foti e
diversi sindaci ho effettuato – aggiunge Lo Curto – un sopralluogo per
verificare le possibilità di un intervento immediato su alcune strade
provinciali. Va comunque ricordato che la soppressione delle province
voluta in Sicilia dal governo Crocetta e dai Cinque stelle eletti alla
Regione ha provocato, nonostante il Commissario della ex provincia di
Trapani abbia ottenuto un finanziamento di circa 16 milioni di euro
per le strade, la dismissione dei fitti passivi delle scuole superiori
a danno proprio degli alunni e del diritto allo studio, con una scelta
obbligata proprio per non perdere le risorse utili agli investimenti
sulle arterie stradali. Toninelli & co – conclude il capogruppo Udc Lo
Curto – ci dessero indietro i soldi che ci rubano con il prelievo
forzoso e la smettano di prendere in giro i siciliani”.