“Canti e Cunti”, incontro con la scrittrice Caterina Mangiaracina

Nel progetto coinvolti gli alunni dell'Istituto "G. Montalto" di Marausa

343

di Valeria Marrone

Si è tenuto stamattina l’incontro delle classi IV e V di scuola primaria e le classi I e II di scuola secondaria di I grado dell’Istituto Comprensivo “G. Montalto” di Marausa con la scrittrice Caterina Mangiaracina, autrice del libro “L’acqua e lu focu”, pubblicato dalla casa editrice Armando Siciliano Editore.
Le restanti classi degli altri plessi, interessati all’iniziativa, si sono collegati invece on-line.
L’evento di oggi si colloca nell’ambito del progetto: “Canti e Cunti” inerente alla Circolare Assessoriale n. 9 del 10/12/2020 dal titolo: “Interventi in favore delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, ai sensi dell’art. 10 della L.R. 08/05/2018”, volta a valorizzare l’identità culturale siciliana.
Il progetto “Canti e Cunti”, presentato dall’Istituto Montalto lo scorso 18 dicembre è rientrato a pieno titolo tra le iniziative formative coerenti con i valori della legalità, dell’etica pubblica, dell’educazione civica, della diffusione dell’identità siciliana, nonché della conoscenza e del rispetto dell’ambiente e dei corretti modelli e stili di vita, indirizzati alla promozione della cultura scientifica.
Gli alunni, durante l’anno scolastico, hanno affrontato lo studio di aspetti di carattere musicale, letterario e artistico legati all’identità siciliana e hanno realizzato, dopo aver letto il libro di C. Mangiaracina, “L’acqua e lu focu”, molteplici attività grafico-pittoriche e di produzione scritta.
Grande è stato l’entusiasmo che i ragazzi hanno manifestato durante l’incontro di oggi con la scrittrice e tante le domande che le hanno rivolto. Ad accompagnare l’attività anche un emozionante momento musicale. Tutti si son ritenuti pienamente soddisfatti dell’incontro odierno.
La scrittrice, in particolar modo, si è complimentata per il lavoro svolto dagli alunni guidati dai docenti. Pienamente soddisfatta anche la Dirigente Scolastica, prof.ssa Maria Letizia Natalia Gentile, per l’attiva partecipazione, l’interesse mostrato dagli alunni nel lavoro svolto e per il significativo contributo che è stato dato alla crescita e alla formazione culturale degli studenti.
Conoscere la tradizione siciliana contribuisce, infatti, ad accrescere la nostra identità e il nostro senso di appartenenza.