Festa dello sport, l’Istituto Bassi-Catalano incontra il capitano del Trapani Calcio

Giochi e partite di calcio hanno animato gli studenti della scuola primaria del plesso San Francesco

519

di Valeria Marrone

Un calcio al Covid” è il titolo che i piccoli studenti della scuola primaria Bassi Catalano hanno scelto per il mini torneo di calcetto organizzato al plesso San Francesco.

La possibilità di giocare e sperimentare la gioia della condivisione nello sport più amato dai piccoli è un modo concreto per tornare a vivere la scuola in libertà”, ha dichiarato, soddisfatta, la Dirigente Ornella Cottone. L’iniziativa, tenutasi questa mattina presso la palestra scolastica, è avvenuta alla presenza del capitano del Trapani Calcio, Luca Pagliarulo, che si è prestato a partecipare al torneo e a premiare i vincitori con i simpatici trofei realizzati con materiale riciclato. Ospite anche il Sindaco Giacomo Tranchida, che ha apprezzato l’invito ed ha anche partecipato alla competizione durante la prima fase del mini torneo. Encomiabile il lavoro svolto dalle insegnanti ed, in particolare, l’entusiasmo del collaboratore scolastico, Carmelo Mastai, appassionato di calcio, con cui ha letteralmente travolto l’entusiasmo dei presenti.
Tifo da stadio, inni al fair play e simpatiche filastrocche in rima intonate dalle cheerleaders hanno incorniciato la giornata all’insegna dell’allegria. “I valori formativi dello sport hanno una indubbia positiva ricaduta sulla crescita dell’individuo. Noi crediamo fermamente nell’importanza dello sviluppo di adeguate competenze motorie e relazionali per i bambini. Non escludiamo, quindi, la possibilità di riproporre l’esperienza alla presenza di un pubblico speciale di genitori il prossimo anno scolastico“ – ha concluso la Cottone.

Lo sport è, infatti, un potente strumento, capace di coinvolgere e rafforzare i legami di piccoli e grandi. Promuove l’integrazione sociale e lo sviluppo economico e culturale ed è in grado di diffondere ideali e valori fondamentali come pace, fraternità, solidarietà, non violenza, tolleranza e giustizia.

Un messaggio, oggi, gridato a gran voce anche dai nostri più piccoli concittadini!