giovedì, Luglio 25, 2024
22.1 C
Trapani
HomeAttualitàCala il sipario sulle Giornate delle Oasi

Cala il sipario sulle Giornate delle Oasi

Si sono appena concluse le Giornate delle Oasi organizzate dal WWF Italia dal 21 aprile al 21 maggio 2023. Diverse le iniziative messe in campo nella Riserva regionale delle “Saline di Trapani e Paceco” che nel sistema nazionale delle oasi WWF svolge un ruolo centrale per la difesa di migliaia di specie vegetali e animali rare e minacciate. Davvero un periodo ricco di attività per promuovere e stimolare la conoscenza ed il rispetto del grande “capitale naturale” italiano.
Molte le iniziative didattiche con gli istituti scolastici in occasione della Giornata Mondiale della Terra, dei Migratori e della Biodiversità e tanti i lavori realizzati dagli studenti, sotto l’egida degli insegnanti, in risposta allo stimolo di riflessione sul valore e sulle peculiarità ambientali presenti sul proprio territorio. Ma quest’anno alla Riserva delle saline, per celebrare la Natura, un’edizione ancora più ricca, dopo le attività didattiche ed affianco alle visite guidate le iniziative proseguiranno in uno dei luoghi più suggestivi e ricchi di storia della città di Trapani. Si concretizza infatti, l’idea della mostra fotografica nel contesto cittadino di Torre di Ligny, all’interno della torre di avvistamento costiera, luogo storico ed emblema della città di Trapani che, dall’estrema punta della città fa da sentinella alle saline lungo la costa. Da tempo, nella qualità di Ente Gestore della riserva regionale, volevamo organizzare una mostra fotografica con l’intento di trasmettere attraverso la forza delle immagini, la bellezza della Natura custodita all’interno del sito protetto che è anche riconosciuto un’area umida di importanza internazionale, ai sensi della convenzione di Ramsar. Da sempre accompagniamo i visitatori alla scoperta del patrimonio attraverso percorsi fruiti responsabilmente, durante i quali, raccontiamo il valore del territorio che ci è stato affidato in gestione. Le visite guidate insieme alle attività di educazione ambientale rappresentano un aspetto importante della gestione che ci restituisce anche l’impegno, la dedizione e la passione con cui in questi anni abbiamo portato avanti le tante sfide a tutela di un importante pezzetto della Sicilia, certamente tra le regioni italiane più ricche di biodiversità. Crediamo nel potere delle immagini, come espressione comunicativa, per questo collaboriamo con una squadra di bravissimi fotografici “sentinelle della natura” che pattugliano l’area imbracciando la loro macchina fotografica.
Così, anche nella scelta della location abbiamo portato avanti l’idea del “luogo sentinella”, sicuri che se queste torri di avvistamento, dislocate su tutta la costa dell’isola potessero parlare, ci racconterebbero tante storie anche a proposito dei viaggi dell’avifauna acquatica che, durante i periodi di migrazione si sposta tra il continente africano e quello europeo. Torre di Ligny per la sua posizione strategica è infatti, un osservatorio privilegiato della Riserva che monitora arrivi e partenze delle oltre 240 specie di uccelli censiti nell’area delle saline, ossia due terzi delle specie presenti lungo la penisola italiana.
Sarà quindi il Museo Civico di Torre di Ligny ad ospitare dal 26 maggio al 26 giugno la mostra fotografica dal titolo “Il RICHIAMO DELLA NATURA” con gli scatti del fotografo toscano “GIOELLE” Giovanni La Francesca.
L’iniziativa aprirà i battenti venerdì pomeriggio alle ore 17.30 con un programma ricco di interventi per stimolare il dibattito sul valore e ruolo dell’area protetta regionale “Saline di Trapani e Paceco” e del sito della rete Natura 2000 alla luce anche della “Strategia Nazionale per la Biodiversità al 2030”.
Un momento per divulgare il valore della Biodiversità ammirando le immagini in esposizione ma anche un’occasione per testimoniare l’impegno di chi giornalmente, in maniera diversa, contribuisce alla protezione del nostro capitale naturale.

  • LO SPETTACOLO DELL’ALBA AL PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE - INVENZIONI A TRE VOCI

Altre notizie