Il sacchetto del pane per dire no alla violenza sulle donne

147

Oggi, in occasione della Giornata contro la violenza sulla donne l’amministrazione comunale di Valderice, in collaborazione con lo Sportello Stop alla violenza sulle donne, ha promosso una singolare iniziativa. In accordo con i panifici del territorio, oggi il pane è stato dato ai clienti con un particolare sacchetto per dire no alla violenza sulle donne.

ASCOLTA le interviste realizzate stamattina all’assessore Maria Iovino ed a Caterina Grammatico, dello Sportello Stop alla Violenza sulle donne.

Il 25 novembre si celebra nel mondo la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, una ricorrenza istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica su una delle più devastanti violazioni dei diritti umani.
“La violenza – riporta un comunicato diramato dal Comune di Valderice – ha effetti negativi, a breve e a lungo termine, sulla salute fisica, psichica, sessuale e riproduttiva della vittima, determinando per le donne isolamento, incapacità di lavorare, difficoltà nel prendersi cura di sé stesse e dei propri figli; ed i bambini, che assistono alla violenza all’interno dei nuclei familiari, possono soffrire di disturbi emotivi e del comportamento. Gli effetti della violenza di genere si ripercuotono sul benessere dell’intera comunità”.

E quest’anno, in occasione della giornata mondiale contro la violenza di genere, l’Amministrazione Comunale di Valderice, in collaborazione con le volontarie dello Sportello Comunale Stop alla Violenza, ha promosso un’attività volta alla prevenzione, sensibilizzazione e contrasto alla violenza di genere verso le donne, attraverso un oggetto di uso quotidiano, il sacchetto per il pane, “con il quale – si legge in un comunicato – si vuole diffondere un messaggio di vicinanza nei confronti delle donne che subiscono violenza ed allo stesso tempo sensibilizzare la cittadinanza”.

Il sindaco, Francesco Stabile, nel ringraziare le volontarie dello Sportello, i panifici, i bar e tutti gli esercizi commerciali che hanno collaborato, ricorda “che il gesto quotidiano e familiare, come l’acquisto del pane o della brioche, può diventare un momento di riflessione e di crescita per ognuno di noi”.