La Città di Partanna da giorni ha aperto le braccia ai profughi ucraini: 25 presenze e altri sono in arrivo. In moto la macchina degli aiuti

82

La Città di Partanna da giorni ha aperto le braccia ai profughi ucraini. L’Amministrazione Comunale, sin da subito dopo la grande emergenza seguita al conflitto ancora in atto, ha individuato e messo in piedi una propria e autonoma organizzazione di accoglienza per poter offrire ospitalità, anche grazie all’intervento delle famiglie, di associazioni di volontariato e dell’Ipab Renda-Ferrari. Oggi a Partanna sono presenti 25 rifugiati, e altri ne arriveranno: donne e bambini in favore dei quali le iniziative continuano. Per la loro ospitalità si può comunicare la propria disponibilità al seguente indirizzo di posta elettronica: ucraina@comune.partanna.tp.it, o compilando la scheda dedicata al seguente link https://bit.ly/3MO4Ixp

Come è stato comunicato nei giorni scorsi, infatti, adesso è possibile anche devolvere, con il coordinamento dell’Amministrazione Comunale, tramite un IBAN dedicato intestato alla Casa dei Fanciulli Renda-Ferrari, i propri contributi economici in sostegno delle famiglie arrivate in città. Queste le coordinate bancarie cui fare riferimento: IT 11 N 05216 81830 000000005259. Causale bonifico: Donazione Emergenza Ucraina – Credito Valtellinese S.p.A Agenzia di Castelvetrano. Lunedì 28 marzo, intanto, presso la sede della Croce Rossa (sede ex mercato agro-alimentare, di fronte Gioia & Sieli) dalle ore 15 alle ore 17, si terrà una raccolta alimentare, di abbigliamento primaverile/estivo (nuovo o in ottime condizioni), scarpe (nuove o in ottime condizioni ) per donna, ragazza, ragazzo, bambine e bambini (fascia di età 7/12 anni).

Si effettuerà anche una raccolta dì prodotti per l’igiene personale (spazzolini, dentifrici, shampoo, assorbenti, bagnoschiuma, sapone per le mani, detergenti e detersivi vari …..), giocattoli (nuovi o in ottime condizioni e non peluche) e materiale scolastico (penne, matite, gomme, colori, quaderni…).