Maltempo a Trapani: in un’ora 56,4 millimetri di pioggia

1571

di Mario Torrente

Trapani stamattina si è svegliata allagata a causa delle abbondanti piogge della notte. Letteralmente sott’acqua diverse zone, automobilisti in panne e traffico in tilt.

Ieri ha Protezione Civile aveva diramato una allerta meteo per tutta la Sicilia. E stanotte nel Trapanese ha piovuto davvero tanto. In base ai dati del Servizio informativo agrometeorologico siciliano, alle 6.30 la stazione Trapani-Fontanasalsa ha registrato 76,8 millimetri di pioggia, di cui 56,4 millimetri in un’ora. Per fare un paragone: tre giorni fa, quando Trapani si è allagata nelle prime ore del pomeriggio, ha fatto 14,4 millimetri di pioggia: stanotte è piovuto per oltre 5 volte in più. Una grande quantità d’acqua che si è riversata sulle strade, non riuscendo a defluire in caditoie e tombini per ovvi motivi di portata idrica.

Il sistema di smaltimento delle acque bianche ha i suoi anni e venne progettato in un periodo in cui non si parlava minimamente di bombe d’acqua e cambiamenti climatici. Al massimo di qualche acquazzone. Certo, Trapani si è sempre allagata. Le cronache cittadine ci portano indietro alle alluvioni del 1965 e del 1976, quando ci furono pure morti. E le foto di queste mattina della via Fardella allagata ricordano proprio cosa successe cinquant’anni fa a Trapani. Ma il problema delle piogge e del maltempo, con eventi sempre più estremi, da qualche anno è diventato sempre più presente anche nelle nostre zone. E ogni cader di pioggia diventa un’incognita. Ed era da decenni che a Trapani non si vedeva nulla del genere, con l’acqua entrare nelle case, nelle attività commerciali e dentro le auto.

L’ultimo episodio simile risale al 16 settembre 2009. Adesso negli annali della città è entrata anche la data del 26 settembre del 2022, ma con una situazione che appare più grave rispetto a 13 anni fa e dove ha piovuto di più. E con i danni che sono ancora tutti da quantificare, mentre sui social network scorrono immagini di strade ridotte a fiumi e piazze come laghi, dove galleggia di tutto. I maggiori accumuli di acqua hanno riguardato zone da sempre soggette ad allagamenti, come l’area dell’ex lago Cepeo, a partire da rione Cappuccinelli. Ma anche altri punti della città dove solitamente l’acqua defluisce, come Rione Palma. Anche lì stamattina i video postati sui social hanno mostrato allagamenti, come in tante altre parti del territorio. Acqua ovunque insomma. Con una conta dei danni che si prospetta piuttosto alta.