Sp 20, ultimata la messa in sicurezza del costone crollato a San Cusumano

Lungo il litorale sono stati posizionati dei massi a protezione del litorale costiero. Conclusi anche i lavori prima di Pizzolungo per la sostituzione dei guard-rail.

599

Si sono conclusi i lavori di messa in sicurezza del tratto di litorale tra San Cusumano e Pizzolungo crollato lo scorso autunno a causa delle abbondanti piogge di novembre e dell’erosione costiera. La voragine che si era creata partiva quasi dl bordo della carreggiata. Da qui la decisione di chiudere la corsia lato mare, delimitandola, e di fare scattare il divieto di transito per i mezzi pesanti di tre tonnellate e mezzo.

L’intervento per il ripristino della scarpata franata, mettendo dei massi lungo il litorale e riempiendo il costone che ha ceduto poco sotto la carreggiata, sono stati eseguiti dal Libero Consorzio Comunale, che ha comunicato la conclusione dei lavori agli enti di competenza, tra cui anche i Comuni di Erice e Valderice che nelle scorse settimane avevano emesso le rispettive ordinanze per interdire la circolazione nel tratto interessato ai mezzi pesanti.

Adesso, dopo la comunicazione degli uffici della ex Provincia regionale di Trapani, le due amministrazioni comunali predisporranno i provvedimento di revoca del divieto di transito, togliendo anche la segnaletica stradale provvisoria. Sempre restando lungo la sp 20, ma spostandoci verso Pizzolungo, si sono conclusi anche i lavori per la sostituzione del guard-rail e la sistemazione della carreggiata nel tratto vicino alla Stele di Anchise, dove per diversi mesi si è proceduto a senso di marcia alternato con i semafori per la regolamentazione del traffico.

Sono invece scattati nelle scorse ore i lavori per la sostituzione dei guard-rail nel tratto delle curve del nono chilometro, tra Pizzolungo e Bonagia. Ieri è stato fatto un sopralluogo a cui ha partecipato i tecnici del Libero Consorzio assieme al comandante della Polizia Municipale di Erice Bellofiore e l’assessore Enzo Di Marco. Anche qui è scattato il senso di marcia alternato con il traffico regolamentato da due semafori.

Mario Torrente