Ieri la Polizia ha concluso una complessa attività investigativa che ha portato all’arresto per reati legati alla droga, in flagranza e su esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, di due pregiudicati cittadini mazaresi di 70 e 53 anni.

La Squadra Pegaso della Sezione Investigativa del Commissariato di Mazara del Vallo nel corso delle indagini ha individuato, quale probabile epicentro di una massiccia attività di stoccaggio e successiva cessione di droga, l’abitazione del 70enne. L’abitazione è stata posta sotto controllo con appostamenti e pattugliamenti da parte degli agenti

Nella mattina del 18 novembre scorso, certi che nella casa fosse nascosta della droga i poliziotti hanno fatto irruzione sia pure in assenza del proprietario. Sono stati trovati e sequestrati in casa e nell’annesso garage 55 chili di hashish, suddivisi in 34 panetti e 73 involucri rivestiti da gomma di colore rosso.

Gli agenti nelle immediate vicinanze del garage dell’abitazione con saracinesca semi aperta hanno notato il 53enne che alla vista dei poliziotti ha cercato di disfarsi di un involucro, poi risultato dello stesso tipo e colore di quelli rinvenuti e sequestrati all’interno sia del garage, sia dell’immobile.

Il 53 enne è stato arrestato nella flagranza del reato di detenzione di sostanza stupefacente del tipo hashish, mentre il proprietario della casa, il 70enne è stato denunciato per gli stessi reati.

Ieri il G.I.P. di Marsala ha firmato l’ordinanza di misura cautelare in carcere a carico del 70enne inizialmente sfuggito all’arresto perché assente. Quest’ultimo è stato condotto in carcere a Trapani, mentre il suo presunto complice è stato posto agli arresti domiciliari con obbligo di braccialetto elettronico, presso la propria abitazione.