di Fabio Pace

La campagna vaccinale in provincia di Trapani procede a ritmi sostenuti. Certo, tra mille difficoltà e anche con alcune disfunzioni e ritardi. Ma è Un work in progress che punta a raggiungere l’obiettivo posto dall’assessorato regionale alla sanità di 4400 vaccinazioni al giorno delle 50mila che si è assegnata la regione siciliana.

Alla data odierna il picco massimo raggiunto dagli hub e dai centri vaccinali di tutta la provincia è stato di 2900 vaccinazioni. È necessario fare di più e l’ASP si sta attrezzando per affiancare alle strutture ospedaliere e agli hub già operativi altri luoghi deputati alla vaccinazione.

Il commissario straordinario dell’ASP, Paolo Zappalà, affiancato dal responsabile di sanità pubblica, Gaspare Canzoneri e dal direttore generale Gioacchino Oddo, oggi in conferenza stampa ha tracciato un bilancio della attività vaccinale.

Alla data odierna 120.688 persone hanno ricevuto la prima dose di vaccino; di queste 35.524 hanno ricevuto anche la seconda dose. Il primo dato equivale a circa il 40% del target necessario per raggiungere il livello per l’immunità di gregge, cioè almeno 287mila vaccinati sulla popolazione di 359mila abitanti over 16, quindi in età da vaccino. Il secondo dato equivale a poco più del 12,5%. L’ASP di Trapani conta di raggiungere l’obiettivo dei 4400 vaccinati al giorno entro fine maggio.

Tra i vaccinati 21mila sono gli over 80 vaccinati, rispetto ad una popolazione di 30mila over 80; 11mila poco più di un terzo hanno già ricevuto la seconda dose. Negli hub vaccinali il tempo medio di attesa dall’ingresso all’uscita, compreso l’anamnesi medica (la fase più lunga) è di circa un’ora e 30 minuti. Ma si registrano estremi in una direzione e nell’altra. C’è chi s’è vaccinato in 40 minuti e chi invece ha impiegato 3 ore e mezza. L’ASP sta lavorando per ridurre ovunque i tempi di attesa.

In campo per le vaccinazioni domiciliari 8 squadre al mattino e 7 al pomeriggio con una capacità di vaccinazioni quotidiani di 100 / 150 inoculazioni. L’ASP ha calcolato in 4813 gli anziani e gli estremamente fragili da vaccinare a domicilio. Alla data odierna i vaccinati a domicilio sono 2127, poco meno della metà. L’ASP ha affiancato alla piattaforma nazionale un servizio prenotazione via mail, ne arrivano 500 al giorno. Per segnalare ritardi e disfunzioni l’Asp ha anche attivato un numero verde 800 402 346, operativo dal lunedì a sabato, dalle 8,30 alle 19,30