Calatafimi Segesta, la Protezione Civile regionale consegna un mezzo antincendio

94


È stata consegnato al Comune di Calatafimi Segesta un pickup cassettonato con modulo antincendio. A concederlo in comodato d’uso gratuito il Dipartimento regionale della Protezione Civile, cui è stata avanzata richiesta da parte del primo cittadino Francesco Gruppuso, che si era impegnato in prima persona per assicurare non solo il pronto intervento, in caso di incendi, ma anche un continuo monitoraggio del territorio soprattutto durante la stagione estiva, avvalendosi di personale qualificato. Il mezzo è stato affidato all’associazione di protezione civile “E.R.A.”, operante nel territorio e con la quale è stata firmata un’apposita convenzione, in quanto possiede i requisiti per la gestione del mezzo e le operazioni di intervento. “È di certo motivo di grande soddisfazione – commenta il sindaco Gruppuso -. Il mezzo servirà per svolgere attività di monitoraggio e controllo del territorio e, specialmente d’estate, potrà risultare molto utile, essendo tecnologicamente avanzato e dotato del modulo antincendio – continua -. Il fenomeno degli incendi rappresenta una grave calamità anche per il nostro territorio e sono convinto che vada perseguita un’adeguata attività di prevenzione, potendo usufruire dei mezzi adeguati, grazie alla collaborazione di personale formato, quale i volontari dell’associazione E.R.A. – sono le sue parole –. Ringrazio i funzionari provinciali di Protezione Civile Parrinello e Di Stefano, nonché Salvatore Cocina, dirigente generale del Dipartimento regionale della Protezione Civile, che ha accolto la mia richiesta”.
La consegna è stata proceduta dalla cerimonia di consegna, organizzata dall’amministrazione comunale e dalla benedizione del mezzo e degli operatori da padre Michelangelo Buonarroti. La cerimonia si è conclusa con la consegna delle chiavi da parte del sindaco Gruppuso al presidente dell’associazione E.R.A. provinciale di Trapani.
La giunta Gruppuso ha programmato diverse iniziative per potenziare le attività legate alla protezione civile in ambito comunale, nonché finalizzate alla valorizzazione dei luoghi da preservare con l’impegno di tutti. “Ricordo che, come disciplinato da apposita ordinanza, non è possibile accendere fuochi a partire dal 15 giugno – conclude il primo cittadino – e, secondo il Decreto del Presidente della Regione n. 297 non sono permessi fuochi in agricoltura a meno che non siano autorizzati dal Distaccamento Forestale competente, ma solo nelle prime ore del mattino ed in condizioni ottimali”.