Pizzolungo, lavori in corso per la fibra ottica

Code d’auto e disagi ai turisti e alla viabilità cittadina

661

di Valeria Marrone

Sembra un curioso caso, ma ogni volta che giunge l’estate assistiamo a tutta una serie di lavori che interessano principalmente la viabilità cittadina. In particolare, quella che riguarda i tratti turistici. E sì, sembra curioso. Soprattutto se la mattina nelle ore di punta, sotto il torrido caldo estivo e il caldo scirocco, ci si ritrova a stare in code lunghe anche più di un paio di chilometri. Causa lavori in corso. Gli ennesimi, potremmo dire.

Stavolta, però, non si parla di lavori al manto stradale, ma di posa della fibra.

La fibra ottica di Open Fiber, ditta appaltatrice del Ministero delle Comunicazioni, è già realtà in molte aree d’Italia. I lavori a cui al momento assistiamo consentiranno di servire le grandi aree urbane, ma anche le cosiddette Aree Bianche a bassa densità di popolazione. Ed è così che da ieri mattina i diversi abitanti delle zone di Pizzolungo, Bonagia e dintorni, turisti compresi in giro nel nostro territorio, si vedono nuovamente costretti a stare sotto il sole, dentro una macchina, aspettando interminabili minuti quel semaforo diventare verde e sancire il passaggio delle auto da una direzione piuttosto che un’altra.

Poco importa se vi sono anziani, donne in stato di gravidanza o bambini dentro quelle auto.

Ciò che evidentemente sbalordisce, considerato che il tratto interessato dai lavori è quello più fortemente frequentato in questo specifico periodo estivo, è il grande disagio in cui devono incorrere eventuali soccorsi da/per Trapani. Ci si chiede quanto realmente, a questo punto, quanto sia necessario eseguire tali lavori in un periodo così vivo turisticamente creando potenziali fastidi ai molti turisti che si muovono e viaggiano nel trapanese e quanto sia realmente essenziale effettuarli negli orari di punta lavorativi.

Una riflessione più che legittima che ci poniamo tutti. Indistintamente.