giovedì, Luglio 18, 2024
22.1 C
Trapani
HomeCronacaCastellammare, indagini sui resti umani rinvenuti sul Monte Inici

Castellammare, indagini sui resti umani rinvenuti sul Monte Inici

La Polizia sta indagando sul rinvenimento di resti umani, avvenuto il 9 maggio scorso, nell’agro di Castellammare del Golfo, in località Monte Inici, nell’area boschiva dove si trova il rifugio forestale denominato “Parchi soprani”, in una cavità profonda oltre 8 metri.

Il rinvenimento è avvenuto ad opera di personale dei Vigili del Fuoco del Nucleo Speleo Alpino Fluviale del Comando Provinciale di Trapani, durante lo svolgimento di un’esercitazione.

Le manovre dei Vigili del Fuoco per riportare alla luce i resti si sono protratte per giorni, a causa della morfologia della cavità e della difficoltà di operare in profondità.

I resti umani sono stati rinvenuti insieme a numerose ossa di origine animale e altri oggetti ed effetti personali, verosimilmente riconducibili al cadavere. I brandelli di vestiti recuperati fanno ritenere che il soggetto fosse di sesso maschile.

Al momento, non è possibile stabilire né l’epoca né le circostanze della morte.

Dai primi anni Novanta, la cavità è delimitata da una struttura muraria in pietra ed è opportunamente segnalata, ma in passato si presentava come una delle tante cavità naturali che connotano la struttura morfologica del complesso montuoso dell’Inici. Per tale ragione, potrebbe trattarsi di un escursionista caduto improvvidamente nella frattura, ma non può escludersi che si tratti di una delle tante vittime di lupara bianca, riconducibili alla sanguinosa guerra di mafia che, negli anni novanta, ha interesso i territori di Alcamo e Castellammare del Golfo.

Le indagini per risalire all’identità dello scheletro sono condotte da personale della locale Squadra Mobile e del Commissariato di di Castellammare del Golfo, coordinati dalla Procura della di Trapani che, ritenendo necessari accertamenti di natura medico-legale e di biologia forense, ha anche delegato il Servizio di Polizia Scientifica della Polizia di Stato.

Presso il Commissariato di P.S. di Castellammare saranno custoditi i reperti relativi agli effetti personali del soggetto, che verranno messi a disposizioni di coloro che chiedessero di visionarli, per l’eventuale riconoscimento.

  • LO SPETTACOLO DELL’ALBA AL PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE - INVENZIONI A TRE VOCI

Altre notizie