domenica, Luglio 14, 2024
21.1 C
Trapani
HomeAttualitàIl report annuale di Banca d'Italia

Il report annuale di Banca d’Italia

In Sicilia l’attività economica è cresciuta, ma a ritmi molto contenuti e più bassi di quelli dell’anno precedente. È il dato che emerge dal report annuale di Banca d’Italia sull’economia siciliana nel 2023, presentato ieri a Palermo.

Il valore aggiunto, secondo il report annuale di Banca d’Italia, si è ridotto nell’industria ma anche nell’agricoltura, a causa delle anomalie climatiche che hanno caratterizzato il 2023.

Nell’industria il perdurare di una congiuntura debole e l’elevato costo del credito hanno frenato gli investimenti delle imprese siciliane. Si è invece intensificata l’espansione della capacità produttiva di energia elettrica da fonti rinnovabili.

Le esportazioni sono diminuite sia per i prodotti petroliferi sia per il complesso degli altri comparti.

L’attività si è mantenuta su livelli elevati nell’edilizia, beneficiando ancora dagli incentivi fiscali, oltre che della domanda proveniente dall’operatore pubblico. L’indebolimento dei consumi si è riflesso sull’andamento dei servizi privati non finanziari. La dinamica è stata però sostenuta dai risultati positivi del turismo e dei trasporti aerei e marittimi.
Nonostante il rallentamento ciclico e l’aumento del costo del credito, una quota elevata di imprese ha conseguito risultati reddituali positivi. Questo ha sostenuto l’accumulazione delle disponibilità liquide, che hanno raggiunto un picco storico alla fine del 2023. I finanziamenti al settore produttivo sono risultati in calo, risentendo della riduzione della domanda.

Ma ad essere positivo è anche l’espansione dell’occupazione che è proseguita anche nel 2023, in misura più intensa rispetto all’anno precedente. La crescita ha interessato soprattutto i lavoratori alle dipendenze. Come nel 2022 l’aumento del tasso di occupazione è stato particolarmente elevato per gli individui tra 25 e 34 anni e contestualmente si è registrato un nuovo rilevante calo dell’incidenza, tra i giovani dai 15 ai 34 anni, di coloro che non sono occupati, non studiano e non frequentano corsi di formazione.

  • LO SPETTACOLO DELL’ALBA AL PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE - INVENZIONI A TRE VOCI

Altre notizie