Home Eventi Dionisiache, di scena l'Orchestra sinfonica siciliana

Dionisiache, di scena l’Orchestra sinfonica siciliana

Domani al parco di Segesta

Il secondo appuntamento del Festival Dionisiache, in programma venerdì 30 luglio alle ore 20.30 presso il Teatro Antico del Parco Archeologico di Segesta, ospita la musica eseguita dall’Orchestra Sinfonica Siciliana, diretta dal Maestro Massimiliano Stefanelli.

Durante la serata verrano eseguite le musiche di Antonín Dvořák (Nelahozeves, Kralup, 1841 – Praga 1904), in particolare l’Othello, ouverture da concerto, op. 93 (B. 174) (durata:14’)e la Sinfonia  n. 9 (“dal Nuovo Mondo”) in mi minore op. 95 (B.178) (Sinfonia n. 5) (durata 42’) , e il Pomp and Circumstance, march n.5 in do maggiore op.39 (durata: 6’)di Edward William Elgar (Broadheath, 1857 – Worcester, 1934). 

Composta da Dvořák nel 1892, Othello è la terza di un trittico di Ouvertures, intitolato Priroda, zivota làska (Natura, vita e amore) che, eseguito per la prima volta sotto la direzione del compositore in un concerto a Praga il 28 aprile 1892, poco prima di partire per gli Stati Uniti, illustra perfettamente il titolo. 

In realtà Othello costituisce la conclusione pessimistica di questo trittico, in quanto, se le prime due V Prirodè (Nel regno della Natura) e Karneval rappresentano rispettivamente le gioie della natura e della vita, essa descrive la forza distruttiva di un amore degenerato nella gelosia. 

Fonte d’ispirazione di Othello è naturalmente la tragedia di Shakespeare della quale il compositore boemo mise in luce soprattutto il sentimento amoroso e la sua degenerazione nella gelosia che lo corrode fino all’autodistruzione. 

L’ouverture si apre con un’introduzione (Lento), nella quale, dopo un’incipit di carattere innodico, viene esposto il tema della natura – già utilizzato da Dvořák nelle precedenti ouverture – che pian piano viene connotato in modo sinistro in quanto modificato dalla gelosia che si insinua nell’animo del personaggio shakespeariano e che va sempre più crescendo nel successivo Allegro con brio in forma-sonata, dove solo l’amore di Desdemona trova degli accenti di lirismo. 

La tragedia è solo ritardata, in quanto, dopo la citazione del tema del sonno dalla Walküre di Wagner e di un tema del Requiem dello stesso Dvořák, essa esplode nel violento finale nel quale Othello, dopo aver ucciso la moglie, si suicida.     

Seguirà l’esecuzione de La sinfonia dal Nuovo mondo, quinta tra quelle date alle stampe, ma nona ed ultima in ordine di composizione.

Fu composta tra il 19 dicembre del 1892 e il 24 maggio del 1893 a New York durante il soggiorno americano di Dvořák, su commissione della New York Philharmonic Orchestra che la eseguì, per la prima volta, con un notevole successo, il 16 dicembre 1893 alla Carnegie Hall sotto la direzione di Anton Seidl. 

Alla fine di ogni movimento, infatti, scrosci fragorosi di applausi costrinsero il compositore ad alzarsi e a fare un inchino per salutare il pubblico. 

Certamente Dvořák non aveva immaginato di conseguire un così strepitoso successo quando, nel 1892, dopo vari tentennamenti, aveva deciso di accettare il prestigioso incarico di direttore offertogli dal New York National Conservatory of Music, in sostituzione del compositore finlandese Sibelius, con il quale non era stato possibile prendere contatto. 

Dvořák, di carattere schivo e poco propenso a lasciare la sua terra natia, si era deciso perché pressato dalle insistenze di Mrs. Thurber, moglie di un ricchissimo commerciante newyorkese di generi coloniali, ad imbarcarsi il 15 settembre 1892 per l’America dove, appena giunto, pronunciò questo importante discorso: “Io sono convinto che la musica futura di questa nazione debba basarsi su quelle che sono chiamate melodie Negre. Queste possono essere la base di una scuola di composizione seria e originale, da svilupparsi negli Stati Uniti. Questi graziosi e variati temi sono il prodotto del terreno. Sono le canzoni popolari dell’America e i vostri compositori devono rivolgersi ad esse”.

La tradizione americana, costituita dalla musica dei pellerossa e dei negri d’America, costituisce la base di questa composizione, non perché Dvořák abbia utilizzato dei temi tratti dal loro repertorio, ma perché – come ebbe modo di scrivere egli stesso in un articolo uscito sul New York Herald il 15 dicembre 1893 – nel contesto dei temi originali aveva inserito i caratteri propri della musica indiana. 

Nel suddetto articolo egli, infatti, aveva scritto: “Io non ho usato attualmente nessuna delle natie melodie americane. Io ho semplicemente scritto temi originali, incorporando le peculiarità della musica indiana, e, usando questi temi come soggetti, li ho sviluppati con tutte le risorse dei ritmi moderni, del contrappunto, e del colore orchestrale”.

Aperto da un Adagio introduttivo, il primo movimento Allegro molto, in forma-sonata, presenta immediatamente il primo tema, che, ispirato allo spiritual Swing Lo’Swett Chariot, ritorna anche nel corso della sinfonia fungendo da leitmotiv e contribuendo a dare alla sinfonia stessa un’impostazione ciclica. 

Anche il secondo tema, presentato da oboi e flauti, è connotato in senso etnico.

Nel secondo movimento, Largo, la connotazione etnica è resa dalla struttura pentatonica del tema principale, tratto dal poema epico indiano Hiawatha del poeta americano Henry Wadsworth, dedicato al mitico fondatore della confederazione irochese. 

Secondo quanto affermato dal compositore anche il terzo movimento, Scherzo, sarebbe ispirato a questo poema e, in particolar modo, ad una danza religiosa indiana, anche se alcuni musicologi hanno ritenuto di riscontrare nel tema principale alcuni tratti tipici della tradizione musicale mitteleuropea e, in particolar modo, del furiant, una impetuosa danza ceca.

Nell’ultimo movimento, Allegro con fuoco, in forma-sonata, dove, dopo una brevissima introduzione, esplode il tema più celebre dell’intera sinfonia, a cui si contrappone il secondo di carattere lirico, ritornano sia il leitmotiv sia le idee tematiche principali del Largo e dello Scherzo nella sezione di sviluppo, aperta da un ritmo di Polka. 

A chiudere la serata sarà il Pomp and Circumstance di Edward William Elgar, una serie di cinque marce scritte dal compositore tra il 1901, anno a cui risale la composizione della prima, e il 1930, pubblicate, ciascuna – con una dedica a un amico diverso – da Boosey & Co. con il titolo di Elgar’s Op. 39

Una sesta, che fu soltanto abbozzata da Elgar, è stata rielaborata da Anthony Payne nel 2006. Sebbene meno famosa della prima che, negli Stati Uniti, viene tradizionalmente suonata nei college e nei licei durante la cerimonia di consegna delle lauree o dei diplomi e nel Regno Unito è diventata una canzone patriottica, conosciuta col titolo di Land of Hope and Glory su testo di A. C. Benson, la Quinta è una pagina anch’essa orecchiabile in ritmo 6/8 basata sul contrasto tra un tema marziale e un altro cantabile e di carattere nobile affidato agli archi. 

Per info e prenotazioni è possibile consultare il sito ufficiale del Festival www.dionisiache.it oppure chiamare al numero 3889590892 (attivo dalle 10 alle 14 e dalle 16 alle 20).

Ultime notizie in diretta

Trapani. Gara di velocità tra auto in via Fardella. Due denunce dei carabinieri.

Una vera e propria gara di velocità tra auto, nel cuore della...

Possesso di armi da fuoco. A Partanna un arresto dei Carabinieri

Conservava in casa un arsenale di armi modificate e pronte a sparare ed...

Trasferta per le Arpie

Torna in campo questo pomeriggio, a partire dalle 18, l’Handball Erice che affronterà...

Basket, i granata nuovamente in campo

La Pallacanestro Trapani, questo pomeriggio, a partire dalle 18, sarà sul campo dell’Orlandina...

Lo Sciascia Bufalino al Trapani Comix

L’IISS Sciascia-Bufalino di Erice Casa Santa prenderà parte alla manifestazione con i ragazzi...

La festa della Guardia di Finanza presso la parrocchia San Matteo a Marsala per il santo patrono del Corpo Militare

Martedì 21 Settembre è stata celebrata a Marsala la festa dellaGuardia di Finanza...

Le Vie dei Tesori, terzo e ultimo weekend a Messina, Noto, Caltanissetta, Caltagirone, Enna, nel trapanese e attorno a Palermo

Si scoprirà che le piante sono le prime a combattere inquinamento e cambiamenti...

Prima giornata di lavori degli Stati Generali dell’Export in corso a Marsala

L’Italia dell’Export torna a stringere mani, a rivolgersi al mondo, a chiudere affari...

Trapani: pagamento pensioni anticipato

Poste Italiane comunica che in provincia di Trapani le pensioni del mese di...

Altre Notizie di Oggi

Possesso di armi da fuoco. A Partanna un arresto dei Carabinieri

Conservava in casa un arsenale di armi modificate e pronte a sparare ed è finito in manette per detenzione di armi clandestine....

Marsala. Aggredisce la madre per avere i soldi per la droga. Arrestato dai carabinieri

I Carabinieri della Stazione di Petrosino hanno arrestato un 26enne per tentata estorsione e lesioni personali aggravate nei confronti della madre. Il...

Operatrici del pronto soccorso di Marsala aggredite dai familiari di un paziente.

La notizia dell’aggressione è stata resa nota dal presidente del consiglio comunale di Marsala, Enzo Sturiano, in apertura dell'ultima seduta. Secondo quanto...

Partinico. Scoperta dalla GdF una piantagione di marijuana.

Una piantagione di marijuana è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Palermo nell’agro partinicese tra Alcamo e Partinico. La coltivazione illecita...

Marsala. Picchia il padre che si rifiuta di dargli i soldi per la droga. Arrestato dai carabinieri

I Carabinieri della Stazione di Marsala e di Petrosino hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali un ragazzo marsalese di...

Abbandono di rifiuti a Trapani: denunce e sanzioni da parte dei Carabinieri Forestali

Giro di vite dei Carabinieri in materia di abbandono di rifiuti. Ieri i Carabinieri Forestali del Centro Anticrimine...
Trapani
cielo sereno
24.7 ° C
25.1 °
23.5 °
83 %
7.2kmh
0 %
Sab
28 °
Dom
28 °
Lun
28 °
Mar
27 °
Mer
26 °