Si è riunito, stamani a Trapani, nella sala Sodano di Palazzo d’Alì il tavolo di crisi per discutere dei danni provocati dall’alluvione e degli eventuali risarcimenti. Un altro elemento di novità è emerso stamane dopo l’intervento del consulente del comune in materia di Protezione Civile ing. Loria, già dirigente della Protezione Civile Regionale. Il Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano ha già certificato una pioggia eccezionale attraverso le stazioni di Erice e Fontanasalsa, oggi si aggiunge il dato ufficioso della stazione di Trapani: 122 millimetri di pioggia per centimetro quadrato; 88 millimetri in una sola ora.

Al di là del dato tecnico, però, il sindaco ha rivolto un invito a tutti, singoli cittadini, commercianti, associazioni di categoria e sindacati, a quantificare i danni, anche sommariamente. Senza questa quantificazione non è possibile chiedere lo stato di calamità naturale. Intanto alcune organizzazioni di categoria, in via precauzionale, avanzeranno a nome dei loro associati una formale richiesta di danni al comune di Trapani.

All’incontro erano presenti i neo eletti deputati regionali Nicola Catania, Cristina Ciminnisi e Dario Safina ed il deputato nazionale Raoul Russo, che il sindaco ha ringraziato per aver accolto l’invito.

ASCOLTA L’INTERVISTA AL SINDACO TRANCHIDA