All’Istituto Superiore “I. e V. Florio” di Erice il progetto “Donne del Vino”

215

Ha ripreso il via oggi all’Istituto Superiore “I. e V. Florio” di Erice il progetto “Donne del Vino”. La scuola diretta dalla preside Pina Mandina è scuola pilota per la Sicilia, assieme all’Istituto “Danilo Dolci” di Partinico e al “Karol Wojtyla” di Catania.
Alla prima edizione del progetto D-Vino hanno partecipato circa 100 studentesse e studenti dell’Istituto ‘Florio’ provenienti da indirizzi differenti: enogastronomia, pasticceria, sala e accoglienza turistica, e una classe del nuovo indirizzo liceale attivato: il liceo della comunicazione e della cultura enogastronomica  che ha come mission la promozione culturale del cibo nella sua correlazione con il territorio. La finalità del progetto è quella di restituire alla platea degli studenti una chiara visione di tutte le professioni che ruotano intorno alla dimensione del vino attraverso le storie familiari e personali delle Donne del Vino. L’Istituto ha sempre puntato al raggiungimento di obiettivi di alta specializzazione del settore e ha avviato negli ultimi anni protocolli d’intesa con l’Ais per la formazione e la certificazione delle competenze di somellierie di primo/secondo/terzo livello oltre ad aver aderito in qualità di socio sostenitore all’associazione Strade del Vino Erice doc e di socio fondatore al Distretto del Cibo  “Born in Sicily Routes – Val di Mazara.“Il progetto – dice la Dirigente Scolastica, Pina Mandina – è stato un’occasione significativa per la crescita dei nostri studenti che hanno arricchito la loro formazione anche con lezioni pratiche di degustazione e visite aziendali, e ha sicuramente rafforzato la collaborazione con le cantine per percorsi di PCTO che si sono concretizzati nella partecipazione dei nostri studenti aspiranti sommelier, al Vinitaly, e in percorsi di alternanza scuola lavoro in aziende di pregio quali la Fazio Wine. Nei mesi di aprile e maggio la scuola è stata anche partner nell’organizzazione dell’evento di Assovini “Sicilia en primeur 2022” che quest’anno si è tenuta a Erice”. Per tali ragioni la scuola ripropone il percorso ad un nuovo gruppo  di studenti. Il progetto punta alla scoperta di vigneti, territori e idee per dare il giusto valore ai vini acquisendo le competenze necessarie per apprezzarne la qualità e trasmetterla a consumer, winelovers e alle generazioni future. D-Vino è un progetto di formazione di consulenza enologica, realizzato dall’Associazione Nazionale Le Donne del Vino, con lo scopo di supportare le strutture scolastiche nella formazione dei futuri ambasciatori e professionisti dell’enogastronomia e dell’accoglienza turistica, a completamento della loro educazione di studio curricolare. “Insegnare il vino nelle scuole – conclude la Dirigente Mandina – significa anche insegnare il valore di bere con intelligenza e moderazione, scoprire la storia che c’è dietro al vino, fatta di persone, vigneti ed idee. Al termine del processo formativo il miglior allievo sarà premiato con un tirocinio formativo presso un’azienda vitivinicola di una delle socie dell’Associazione Nazionale Le Donne del Vino della relativa Regione”.