Distrutta dalle fiamme la riserva dello Zingaro

13250

Il fuoco ha colpito entrambi i versanti

La maggior parte dei 1700 ettari arsi al suolo. Un danno inestimabile, in termini ambientali e faunistici, quello provocato dagli incendi che ha devastato lo Zingaro su entrambi i versanti. Le fiamme, alimentate dal forte vento di scirocco, hanno devastato ogni cosa. La prima riserva naturale di Sicilia, una delle più visitate del turismo internazionale, con i suoi sette chilometri di costa, è stata sfregiata al cuore. L’unica area che si è salvata, dicono gli uomini impegnati a fronteggiare il rogo, è la prima caletta della riserva, la “Tonnarella del Luzzo” dal lato di Scopello. 

Nella foto, una panoramica di Cala dell’Uzzo oggi, interamente bruciata, dal lato dell’ingresso di San Vito Lo Capo.

Intanto un altro incendio ha interessato questa mattina Monte Monaco, la montagna che si erge sul mare di San Vito Lo Capo.