Importante aggiornamento sul pensionato marsalese 84enne che trascorreva la notte per strada

89

C’è un importante aggiornamento sulla situazione del pensionato 84enne che, a Marsala, trascorreva la notte per strada. I Servizi sociali comunali hanno contribuito a ricercare e, infine, trovargli una sistemazione seppur provvisoria in una struttura. Lo stesso anziano, inoltre, in giornata effettuerà anche un tampone anticovid per verificarne lo stato di salute sul fronte del contagio. Infine, tenuto conto dello stato di solitudine del pensionato – seppur, complessivamente autosufficiente – i Servizi sociali avevano avanzato al Tribunale la richiesta della nomina di un amministratore di sostegno. Nomina che, oggi, è stata formalmente comunicata all’Amministrazione Grillo. Tutto ciò, come ribadisce l’Assessorato ai Servizi sociali diretto da Giuseppe D’Alessandro e coordinato dalla dirigente Matilde Adamo, “a conferma che il Comune si è mosso fin da subito per assistere l’anziano che, fino a Sabato scorso, rifiutava l’aiuto di assistenti sociali e Polizia municipale”.

La vicenda dell’anziano di Marsala offre l’occasione per rappresentare quanto l’Amministrazione comunale continua a fare sul fronte povertà. A cominciare dall’ultima iniziativa in ordine di tempo, ossia l’azione progettuale “Pronti al Sostegno” 2022 varata dal Distretto sociosanitario Marsala-Petrosino. Sottolinea il sindaco Massimo Grillo: “Al fine di assicurare interventi immediati di sostegno a chi ne abbia bisogno, è fondamentale la collaborazione delle Associazioni di Volontariato che, con un apposito avviso, sono state chiamate a manifestare il loro interesse a progettare interventi nel sociale. In pratica, si tratta di rinnovare la task force che nella precedente esperienza di co-progettazione <<dall’Io al Noi>> ha avuto esiti positivi”. Si tratta di aiuto alimentare e sostegno materiale, anche a domicilio, in favore di persone e famiglie, specie con minori ed anziani disabili, che si trovino in condizioni di difficoltà per mancanza di reddito sufficiente. Situazione che può anche essere causata dall’emergenza sanitaria, specialmente qualora costretti a casa in stato di quarantena. Le risorse, circa 125 mila euro, sono assegnate dal Dipartimento regionale della Famiglia e delle Politiche sociali, a valere sul Fondo Povertà. “Per le Organizzazioni di Volontariato che si sono distinte in azioni di contrasto alla marginalità, conclude il sindaco Grillo, questa co-gestione di servizi e interventi nel sociale rappresenta un salto di qualità, potendo contare sul sostegno istituzionale per racchiudere in progettualità la loro esperienza sul campo”.