L’occasione è stata data dal concerto d’apertura del cartellone estivo degli Amici della Musica di Trapani in programma nel rinnovato, e bellissimo, teatro Ariston del capoluogo. In scena la soprano Desirè Rancatore, il pianista Giulio Potenza ed il clarinettista Alessandro Cirrito. Sugli spartiti, tra gli altri, musiche di Mascagni, Puccini, Rossini, Schubert e Debussy.

Ed è stata davvero una grande emozione vedere il pubblico tornare in sala gremendo quasi tutti i posti disponibili, secondo i limiti imposti dalle normative anti covid. Erano, infatti, quasi 200 gli spettatori presenti che non hanno fatto mancare il loro apprezzamento all’ottima performance dei musicisti sul palco, a conferma della qualità assoluta che da sempre contraddistingue il lavoro artigianale degli Amici della Musica.

Un pomeriggio colmo d’emozioni, si diceva: il ritorno alla musica live con la presenza del pubblico, il tutto in un teatro profondamente rinnovato come è adesso lo storico Ariston dopo i lavori di ammodernamento che lo hanno interessato proprio in questo periodo di pandemia, e poi l’emozione vissuta dagli stessi artisti che, visibilmente commossi, hanno ringraziato il pubblico per il fatto stesso di esserci. Per aver ridato vita ad un rito antico come la condivisione tra pubblico ed artisti di una esibizione di musica dal vivo. Una trepidazione che ha pervaso tutti i presenti, in qualche modo consci di avere, già con la sola presenza in sala, determinato la fine di uno dei periodi più bui degli ultimi decenni per la nostra civiltà.

Da ora ogni sforzo sarà concentrato sul prossimo appuntamento in cartellone per gli Amici della Musica fissato per domenica 6 giugno quando con la regia di Betty Lo Sciuto e la partecipazione, tra gli altri, di Alessio Pianelli, ad andare in scena sarà “Il Volo di Angelo” di Alessandro Gatto. Quando un disegno sconfisse la morte e il nazismo.

GUARDA IL SERVIZIO