Trapani, in pochi hanno protestato contro il DPCM

3905

Dopo il flash mob di martedì, oggi pomeriggio poco più di 20 operatori economici sono scesi in piazza

L’appuntamento sul volantino che pubblicizzava l’evento era fissato per le 17.00 a piazza Vittorio Veneto, davanti alla Prefettura. In realtà, appena una ventina di operatori economici hanno preso parte alla manifestazione di protesta contro l’ultimo DPCM che, per contrastare i contagi del virus Sars Cov-2, ha posto dei limiti agli orari di apertura dei locali e, come nel caso, di palestre e piscine, ha imposto la chiusura totale.

“Siamo di nuovo qui a manifestare per rivendicare il nostro diritto al lavoro- ha detto Mario Signore, titolare di una pizzeria, uno dei promotori dell’iniziativa-. Mi dispiace vedere che c’è poco partecipazione, vuol dire che il popolo trapanese sta bene e non ha bisogno di scendere in piazza. Noi siamo qui, invece, per chiedere per tutti il 2021 l’abbattimento dell’iva al 4%, l’annullamento dei contributi e il credito d’imposta sugli affitti pari al 50%. Solo così lo Stato può dare una mano a noi ristoratori e alle partite Iva in genere”.

Assieme a Mario Signore era presente un gruppo ristretto composto da titolari di ristoranti, bar e palestre. Il sit in davanti alla Prefettura si è sciolto intorno alle 18.00. Pochi i passanti che hanno rivolto lo sguardo ai manifestanti, preferendo tirare dritto e proseguire la loro passeggiata. Nulla a che vedere con la manifestazione molto più partecipata di martedì scorso, organizzata dagli stessi promotori di oggi, quando a piazza Vittorio Emanuele si sono radunati più di 200 operatori e diversi cittadini per esprimere sostegno e vicinanza.

Domani pomeriggio alle 18.30 è prevista una nuova manifestazione di protesta, sempre a piazza Vittorio Emanuele.