Due milioni e 100 mila euro per aiutare chi è in difficoltà

16

Stanziate le somme che serviranno ad aiutare le famiglie in difficoltà in queste settimane di emergenza per il coronavirus.

A Trapani il Comune avrà a disposizione due milioni e 100 mila euro, di cui 1 milione e 350 mila euro arriveranno dalla Regione e 547 mila euro dallo Stato nell’ambito degli aiuti stanziati dal governo nazionale per tutti i Comuni italiani con l’obiettivo di fronteggiare la crisi economica per l’epidemia da covid 19. A queste somme si devono aggiungere i 225 mila euro messi a disposizione dalla giunta guidata dal sindaco Giacomo Tranchida. In tutto due milioni e 100 mila euro che serviranno ad aiutare le famiglie in difficoltà in queste settimane di emergenza. Si punta ai buoni spesa che saranno messi a disposizione di chi si trova in stato di bisogno. Tra le misure messe in campo dall’amministrazione comunale di Trapani ci sono anche i contributi per gli affitti e servizi di assistenza per anziani e disabili. In queste ore a Palazzo D’Alì si sta lavorando alla definizione delle procedure per i bonus spesa. Si pensa anche ai nuovi poveri ed a quelle fasce in stato di bisogno perché si è perso il lavoro o si è stati costretti a chiudere la propria attività da poco. I primi vaucher saranno stampati a giorni, con importi che andranno da 200 a 400 euro al mese in base al numero di persone che fanno parte del nucleo familiare ed alla presenza o  meno di bambini. In fase di definizione i criteri per potere accedere agli aiuti, che nelle prossime ore dovrebbero essere resi noti dagli uffici comunali. Il sindaco Giacomo Tranchida punta a consegnare i primi vaucher entro la fine della settimana. Al massimo entro l’inizio della prossima. Non oltre. L’impegno dell’amministrazione comunale del capoluogo è di velocizzare i tempi per quanto possibile in modo da attivare subito i bonus spesa.