I parcheggi che non piacciono

4351

Lamentele, via social, per le aree di sosta a pagamento istituite dal Comune. La replica del sindaco.

Un’amara sorpresa, a detta di tanti, quella di dover pagare un ticket per trascorrere una giornata al mare. Ed è così che il malcontento è diventato subito virale. Messaggi, fotografie e video sono stati “postati”  da alcuni vacanzieri delle domenica.  “Non è modo di incentivare il turismo”, questa la lamentela più frequente degli utenti su facebook .

Da Baia Santa Margherita, a Bue Marino, nella frazione di Macari, al parcheggio di via La Piana all’ingresso di San Vito Lo Capo. Aree da sempre gratuite, affidate da quest’anno, tramite bando pubblico emanato dal Comune, a privati.  Da ieri, invece, si paga una tariffa giornaliera di 7 euro per le auto, 3 per le moto e 10  euro per gli autocaravan. I residenti non pagano. Ad essere contestati, non solo  il prezzo  ma anche la mancanza di servizi, ad iniziare dal fatto che le superfici siano sterrate senza la delimitazione degli stalli.  Contestati anche i due  pullman  che fanno la spola tra il parcheggio ed il litorale di Macari ritenuti inadeguati dal punto di vista igienico per via delle poltrone in tessuto.  Qualcuno ha  fatto notare, invece, come il problema più importante su cui intervenire sia quello dell’abbandono dei rifiuti. “Anziché  far pagare le persone perbene, perché non istituite dei guarda spiaggia che facciano multe di 200€ a chi sporca?- si chiede un altro utente. Ironico il post dell’opposizione. Orgoglio sanvitese fa notare infatti come il “problema parcheggio a pagamento presso Baia Santa Margherita è stato risolto, in quanto la gente usufruisce del “parcheggio” gratuito della strada provinciale”. 

Per il sindaco Giuseppe Peraino, l’amministrazione comunale sta attuando il programma votato dai cittadini che punta a gestire il Comune come un’impresa, dando servizi a residenti e vacanzieri a  costo zero per l’Ente Locale. Dagli introiti ricavati dalla messa a bando delle aree di sosta, circa 90 mila euro, è stato possibile  infatti ripristinare il servizio di bus navetta a San Vito Lo Capo, inattivo da tre anni. Il sindaco precisa infine che le tariffe sono differenziate a seconda della fascia oraria.