giovedì, Giugno 20, 2024
31.1 C
Trapani
HomePoliticaMarsala: Monumento ai Mille e gestione della città. Scrive l'ex sindaco Di...

Marsala: Monumento ai Mille e gestione della città. Scrive l’ex sindaco Di Girolamo

“Dopo le pesanti critiche che il sindaco ha ricevuto anche dalla stampa e televisione nazionale, per come è tenuto il Monumento ai Mille, chiuso, abbandonato e nel degrado più assoluto, da quasi quattro anni e non da pochi mesi, il sindaco come al solito cerca di addossare la sua responsabilità della chiusura e del degrado, alla precedente amministrazione per averlo inaugurato, secondo lui, non in sicurezza e facendo correre dei rischi ai cittadini. Ebbene mi corre l’obbligo di rassicurare tutti, che nessuno ha corso alcun pericolo nei tanti locali aperti da noi. Quando abbiamo portato a termine il monumento alla fine del 2015, dopo circa quarant’anni dalla posa della prima pietra, i dirigenti comunali hanno redatto e sottoscritto un documento, che dovrebbe essere agli atti del comune, in cui asserivano della “sicurezza statica” dell’immobile. Con questo certificato, l’11 maggio del 2016 è stato inaugurato e fatto fruire ai marsalesi e ai turisti fino alla fine del mio mandato, tranne per qualche mese quando tutta l’Italia era stata chiusa per il covid. Inoltre era stata bonificata tutta l’aria attorno, che negli anni era diventata una discarica a cielo aperto, zona di spaccio e uso di droghe, oltre che campo nomadi. Dall’insediamento dell’amministrazione Grillo, il monumento è stato chiuso, abbandonato, lasciato all’incuria e ai vandali e ridotto in un degrado più assoluto. Chissà quanti soldi e mesi o anni ci vorranno per renderlo di nuovo fruibile, nel frattempo anche i turisti giustamente non fanno altro che parlarne male. La mia amministrazione ha aperto, oltre questo, il palazzo Grignani, dove avevamo allocato la pinacoteca, anche questa chiusa; la piscina, dopo averla messa in sicurezza, sistemato i bagni, sostituito il telo della vasca, è stata chiusa e abbandonata sempre da questa amministrazione. Anche per la piscina chissà quanti soldi e quanti mesi o anni ci vorranno per rifarla funzionare. Abbiamo aperto anche palazzo Fici e usato per tante attività culturali e turistiche. Nel 2018 abbiamo presentato alla regione un progetto di “museo del vino” che è stato approvato e finanziato. Il sindaco Grillo da qualche anno e forse più, continua a promettere che presto lo inaugurerà, rinviando la data di stagione in stagione. Chissà quando sarà fruibile, forse alla vigilia delle prossime elezioni comunali. Dopo circa 14 anni di chiusura abbiamo riaperto anche “il palazzetto dello sport” che sta ancora funzionando, per fortuna. Potrei continuare, la casetta dell’acqua in piazza del Popolo, il sindaco ha chiuso anche questa. I bagni di piazza Marconi con noi funzionavano, chiusi anche questi, per non parlare delle varie fontane, di Villa Cavallotti che si trova nel degrado più assoluto oltre che spesso è chiusa, dei giardini di piazza Marconi. Praticamente noi abbiamo aperto e fatto fruire “in sicurezza” tanti immobili adibiti a centri culturali e turistici, l’attuale sindaco ha chiuso tutto, tranne il palazzetto dello sport, e dopo quasi quattro anni che amministra la città, non solo continua a mantenere tutto chiuso e nel degrado più assoluto, ma cerca di addossare ad altri la sua incapacità amministrativa, come al solito e continua a promette che nel futuro farà, cioè nuove promesse elettorali. Nel frattempo non solo i marsalesi non hanno niente da visitare e la città sembra un deserto, ma soprattutto i turisti rimangono sconcertati dal degrado della città e dalla chiusura dei tanti immobili pubblici di pregio, che potrebbero essere utilizzati come lo erano prima, a beneficio di tutti e soprattutto dei turisti. Egregio signor sindaco dopo quasi quattro anni che amministra la città, si assuma ogni tanto le sue responsabilità, non scarichi sulla precedente amministrazione o sugli assessori che ha fatto fuori politicamente dopo aver preso i loro voti. Parli di meno, faccia meno annunci e meno promesse, faccia di più, se ci riesce. Sarà difficile, ma ci provi”.

Dott. Alberto di Girolamo

Altre notizie