Marsala: vertice sull’Acqua all’Asp di Trapani

143

Proficuo incontro stamattina nella sede dell’Asp in via Mazzini a Trapani fra i vertici del Dipartimento di Prevenzione e il Comune di Marsala per cercare una soluzione al delicato problema dell’approvvigionamento idrico in città con acqua il cui uso per il consumo umano è attualmente vietato dall’ordinanza Sindacale dello scorso mese di Febbraio. Vi hanno preso parte per l’Asp il dirigente del Reparto Prevenzione Francesco di Gregorio, il responsabile del Sian Sebastiano Corso e il direttore sanitario del Dipartimento, Francesco Regina, e, per il Comune, il Sindaco Massimo Grillo, l’Assessore Giuseppe D’Alessandro, il dirigente del Settore Infrastrutture e Servizi, Giuseppe Frangiamore, e il suo vicario Dott. Gaspare Zichittella Responsabile del Servizio Idrico Integrato.

“Desideriamo ringraziare il Commissario Straordinario Paolo Zappalà e i dirigenti del Dipartimento Prevenzione per la loro disponibilità – precisano il Sindaco Grillo e l’Assessore D’Alessandro. Nell’odierna riunione ci è stato riferito che il Sian ha accolto favorevolmente il nostro piano di rientro del valore dei nitrati, predisposto dal dirigente Frangiamore e dal suo vice Zichittella. Dalle analisi effettuate in laboratori regolarmente accreditati risulta che sia i serbatoi dell’acqua proveniente dai pozzi di Sinubio che quelli di Sant’Anna oltre al pozzo denominato Semeraro, hanno un valore di nitrati che rientra nei parametri della normalità. Il problema sussiste per i tre pozzi (Stadio, Pastorella e di contrada Scacciaiazzo) il cui apporto d’acqua è comunque indispensabile per assicurare la corretta erogazione idrica in tutte le zone cittadine. Ciò premesso questa Amministrazione, considerato che il Sian ha dato la propria disponibilità per una possibile miscelazione delle acque, si è trovata d’accordo con i tecnici comunali per mantenere attualmente l’ordinanza di divieto di consumo per fini alimentari dell’acqua onde non penalizzare nessuna zona del marsalese e nelle more che vengano adottati importanti provvedimenti tesi a riequilibrare la giusta quantità di nitrati nei serbatori di accumulo e a cascata nella rete idrica ricorrendo proprio alla graduale e attenta miscelazione delle acque. Fra due settimane se questa darà i risultati sperati provvederemo di conseguenza a revocare l’ordinanza”.

Oltre a questa iniziativa Sindaco e Assessore hanno disposto che, a breve, vengano resi operativi dei punti di approvvigionamento idrico per gli abitanti e per gli esercizi commerciali in diverse zone del territorio comunale. Fin da subito risultano, intanto, fruibili con erogazione di acqua potabile proveniente da Siciliacque le fontanelle ubicate nel comprensorio Nord e precisamente quella di San Teodoro, quelle che si trovano prima e dopo la rotonda nella stessa zona (quella del parcheggio) nonché quelle della scuola di Birgi e quella della Scuola di San Leonardo. Sempre nella stessa zona, a breve, l’acqua potabile arriverà anche nelle abitazioni. Ancora, da domani sarà in funzione il punto di distribuzione di acqua potabile di contrada Cardilla cui potranno accedere oltre alle autobotti del comune anche quelle dei privati.