martedì, Giugno 18, 2024
26.1 C
Trapani
HomeCronacaTrapani. L'aggressione davanti all'asilo, arrestato il nigeriano

Trapani. L’aggressione davanti all’asilo, arrestato il nigeriano

Il nigeriano è stato arrestato. L’accusa di cui è chiamato a rispondere è pesante: tentato sequestro di un minore.
L’epilogo dell’aggressione che l’indagato ha perpetrato ai danni di una connazionale, in stato interessante, che è stata picchiata davanti all’asilo Don Bosco di Trapani, dove stava accompagnando il figlioletto di cinque anni. Il nigeriano, che ha 26 anni, le voleva sottrarre il bambino che lei, però, è riuscita a proteggere.
L’episodio di violenza si è consumato, nelle adiacenze dell’autostazione, alla presenza delle altre mamme, terrorizzate, e delle insegnanti che hanno subito dato l’allarme con una telefonata al 112.
L’aggressore è stato bloccato, dai carabinieri, e condotto in caserma per accertamenti. La donna malmenata, invece, è stata accompagnata, in ambulanza, al pronto soccorso del Sant’Antonio Abate. Dopo aver ricevuto le cure del caso anche lei è stata ascoltata dai militari dell’Arma che, nel frattempo, avevano raccolto altre testimonianze.
Una volta ricostruita l’esatta dinamica di quanto accaduto per il nigeriano è scattato l’arresto per tentato sequestro di persona, lesioni personali aggravate e porto abusivo di armi. E’ stato, infatti, trovato in possesso di un’ascia e di un coltello con una lama di trenta centimetri.

Ora è in carcere. Da chiarire ancora il movente di un episodio che aveva creato allarme tra i genitori i cui figli frequentano la scuola dell’infanzia che fa parte dell’istituto comprensivo “Bassi-Catalano”. (Lu.Tod)

Altre notizie