17.3 C
Trapani
giovedì, Aprile 25, 2024
HomeAttualità“Una nuova rotta del lavoro”. Delegazione CIFA incontra Autorità Tunisine

“Una nuova rotta del lavoro”. Delegazione CIFA incontra Autorità Tunisine

Tracciare una nuova rotta del lavoro per facilitare l’inserimento lavorativo in Italia, ed in particolare in  Sicilia, di giovani tunisini e favorire lo scambio di know-how e competenze professionali fra  i due Paesi”. Questo l’obiettivo dell’incontro avvenuto mercoledì scorso presso il Consolato della Repubblica di Tunisia a Palermo ove una delegazione di CIFA Italia, composta dal Presidente regionale, dott. Fabio Virdi, e dal Presidente provinciale, nonchè “ambasciatore” di CIFA per la Tunisia, dott. Gaspare Ingargiola, è stata ricevuta dalla Console S.E. Nabila Hermi. Nel corso del cordiale incontro, alla quale hanno partecipato anche il Vice Console, il dott. Aymen Lamti, l’Addetto agli Affari Sociali dello stesso Consolato tunisino, dott. Mehdi Chatti, e l’avv. Salvatore Cristaldi, Presidente del Centro Studi “Lavoro e Welfare” (costituito nei mesi scorsi in seno a CIFA Trapani), si è discusso di una possibile collaborazione nel campo della formazione, attraverso il fondo FonarCom ed in sinergia con organismi nel settore del pubblico e privato impiego in Tunisia. Le parti hanno convenuto sulla necessità di promuovere concretamente il “matching” fra domanda ed offerta del lavoro, in base al nuovo “decreto flussi”, circa le figure professionali  da potere inserire nei settori dell’agricoltura e della pesca, settori tradizionalmente condivisi, ma anche nei settori del terziario (turismo e ristorazione, servizi informatici ed elettronica etc..) e, perché no, anche nell’ambito del settore delle energie rinnovabili in forte ascesa sia in Sicilia che in Tunisia. Virdi ed Ingargiola, portando i saluti del Presidente nazionale di CIFA, Andrea Cafà, hanno sottolineato inoltre la necessità dell’avvio di una cooperazione nelle politiche del lavoro fra i due Paesi che possa contrastare seriamente il lavoro irregolare ed alcune forme di sfruttamento, in primis, il cosiddetto “capolarato”, grazie una contrattazione che preveda anche adeguate coperture previdenziali per i lavoratori immigrati; ciò in linea con le tematiche affrontate nel corso del convegno “Immigrazione e Previdenza”, organizzato da CIFA Trapani, tenutosi lo  scorso 12 dicembre a Mazara del Vallo, che ha visto l’intervento del prof. Tito Boeri con la sua proposta di “riforma a costo zero”.                              

- Advertisment -

Altre notizie