Celebrata la festività di Santa Barbara. Il 4 dicembre patrona dei Vigili del Fuoco

242

“Purtroppo anche quest’anno la festività di Santa Barbara risente del momento particolarmente
difficile per il nostro Paese, a causa dell’emergenza pandemica “COVID-19”. Tuttavia, con
convinta determinazione vogliamo onorare, anche se in tono ridotto e molto sobrio, la nostra
patrona Santa Barbara”. Così ha esordito il Comandante provinciale di Trapani Michele Burgio nel suo intervento, al termine della Santa Messa officiata dal Vescovo Pietro Maria Fragnelli nell’aula della sede Centrale di Milo alla presenza delle sole
Autorità civili e militari cittadine. Ad inizio cerimonia è stato reso omaggio ai Caduti in servizio dei Vigili del Fuoco con la deposizione di una corona di alloro sulla lapide. Poi, il Comandante Burgio ha scoperto il plastico
della sede Centrale realizzato e donato al Comando dal Vigile Coordinatore Pietro Stabile e il
leggìo, minuziosamente ristrutturato dall’ex Capo Reparto Aldo Gavini, posto nella sua naturale
collocazione dell’aula didattica. “I numeri relativi agli interventi di soccorso sono comunque importanti e degni di un Comando di
primo piano. Dall’inizio dell’anno ad oggi siamo attestati a 8.890 interventi di soccorso tecnico urgente, molti dei quali avvenuti, come sempre, durante la stagione estiva, a fronte di gravi danni ai
beni ed alla vegetazione; un impegno particolare è stato profuso anche in occasione dei recenti
eventi alluvionali che hanno interessato la nostra provincia. L’attività di prevenzione incendi
effettuata dai Funzionari tecnici sulle aziende non si è mai fermata, numerose istruttorie tra
valutazioni progetto, sopralluoghi, controlli a campione e procedimenti di Polizia Giudiziaria”, ha
aggiunto Burgio; “sono trascorsi appena tre mesi dal mio insediamento e devo dire con sincerità di aver trovato personale
altamente qualificato e di grande esperienza. Il mio impegno sarà indirizzato per una rapida
soluzione delle criticità in cui versa il Distaccamento di Pantelleria, ormai non più rinviabili; anche
la definizione dell’iter burocratico-amministrativo per la realizzazione della nuova sede del Distaccamento di Marsala.

La cerimonia si è conclusa con la consegna dei Diplomi di lodevole servizio al personale operativo
e amministrativo collocato recentemente in quiescenza e delle Croci di Anzianità al personale che ha prestato servizio per 15 anni.