Qui la replica dell’assessore Oreste Alagna ai consiglieri comunali Leo Orlando e Gabriele Di Pietra

46

Ritengo assolutamente strumentali le accuse mosse nei miei confronti a mezzo stampa da parte dei consiglieri comunali Di Pietra e Orlando i quali, dopo essere passati nelle fila dell’opposizione, hanno voluto rendere un’immagine distorta della realtà ed un pessimo servizio ai nostri cittadini paventando addirittura una “chiusura” dell’Info Point comunale di via XI Maggio. La realtà dei fatti è ben altra: il temporaneo spiacevole disservizio gestionale, all’ufficio di informazioni turistiche del centro cittadino, rappresenta un evento straordinario e si è verificato a causa dell’estrema esiguità di personale specializzato idoneo a svolgere tale attività, che in questo periodo si deve appunto sdoppiare per gestire più servizi. L’Amministrazione, nelle more di un probabile futuro affidamento della gestione dell’Info Point delle saline alle Associazioni di promozioni turistica locali, ha cercato di sopperire alla momentanea esigenza di un surplus di personale per la gestione di tale ufficio, che si è voluto da subito operativo in orario antimeridiano e pomeridiano, con uno smistamento delle risorse umane già a disposizione; predisponendo al tal fine anche un’integrazione attraverso il personale presente al Complesso San Pietro. Una situazione che si è già normalizzata con una rimodulazione interna, da parte del settore preposto; dunque il problema è stato già risolto, tant’è vero che questo pomeriggio il servizio è regolarmente attivo.
Mi sembra che la moda del momento sia di gridare allo scandalo e chiedere “dimissioni immediate” per qualunque cosa, senza preoccuparsi di svolgere preventive opportune verifiche prima di parlare, informandosi con chi di dovere.
Invito i due consiglieri, i quali sono stati eletti nella maggioranza dai cittadini con il compito di collaborare nell’amministrazione della città e che hanno ampiamente beneficiato di tale collocazione, a fare proposte serie, concrete e circostanziate piuttosto che passare il tempo a sgolarsi a vanvera, forse in cerca di una qualche visibilità. Quelle sì che saranno parole apprezzate e daranno, a mio modesto avviso, significato al ruolo che ricoprono”.