lunedì, Giugno 24, 2024
23.1 C
Trapani
HomeAttualitàL'Almanacco del giorno

L’Almanacco del giorno

Oggi è Mercoledì 8 Maggio 2024. Siamo nel 129º giorno dell’anno e mancano 237 giorni alla fine del 2024.

A Trapani il sole sorge alle ore 6.06 e tramonta alle ore 20.08.

La luna è nuova ed è illuminata al 0%.

Santo del giorno: San Vittore il Moro, noto anche come San Vittore di Milano, è stato un soldato romano che ha vissuto durante il periodo dell’Impero romano sotto la guida dell’imperatore Massimiano. Nonostante fosse un soldato, mantenne fermamente la sua fede cristiana anche durante le persecuzioni ordinate dall’imperatore contro i cristiani. Durante una di queste persecuzioni, San Vittore fu arrestato per la sua fede e sottoposto a torture crudeli, ma non rinnegò mai il suo credo. Incredibilmente, riuscì a evadere dalla prigione in cui era detenuto. Tuttavia, la sua fuga non durò a lungo: fu presto catturato di nuovo e condannato a morte. San Vittore il Moro subì il martirio per decapitazione, preferendo morire piuttosto che abbandonare la sua fede cristiana. La sua devozione e la sua determinazione nel rimanere fedele ai suoi principi religiosi nonostante le avversità lo hanno reso un esempio di coraggio e fede per i credenti di tutto il mondo. La sua memoria è commemorata dalla Chiesa cattolica il 8 maggio.

Proverbio siciliano: “Chi tali curì, di tali scuri“. Traduzione: Chi coltiva certe piante, deve aspettarsi di raccogliere certi frutti. Questo proverbio sottolinea l’importanza di essere consapevoli delle conseguenze delle nostre azioni e delle scelte che facciamo nella vita. Se coltiviamo e nutriamo determinati comportamenti o atteggiamenti, dobbiamo essere pronti ad affrontare le conseguenze, che possono essere positive o negative, a seconda di ciò che abbiamo seminato.

Aforisma del giorno: “Il successo non è tanto ciò che si ha, ma ciò che si diventa“. Questo aforisma sottolinea che il vero valore del lavoro non risiede solo nel risultato finale o negli obiettivi raggiunti, ma piuttosto nel processo di crescita personale e professionale che si verifica lungo il cammino. Il lavoro non solo porta a conseguire beni materiali o riconoscimenti esterni, ma può anche essere un mezzo per sviluppare competenze, maturare personalmente e diventare una versione migliore di sé stessi.

Nati oggi: L’ 8 maggio 1952 nasce Vittorio Sgarbi, critico d’arte, storico dell’arte e saggista.

Curiosità: Oggi è la giornata mondiale della Croce Rossa.

La missione vitale della Croce Rossa è quella di garantire assistenza sanitaria a chiunque ne abbia bisogno, ovunque nel mondo, in ogni momento del giorno e della notte. Questo impegno prezioso ha le sue radici in una situazione tragica: la carneficina avvenuta il 24 giugno 1859 a Solferino, durante una delle battaglie più cruente della seconda guerra di Indipendenza italiana. In quel sanguinoso conflitto tra l’esercito sardo-piemontese e quello francese e austriaco, Jean Henry Dunant, successivamente insignito del Premio Nobel per la Pace, rimase profondamente colpito dalla vista dei caduti e dei numerosissimi feriti che necessitavano urgentemente di cure. Fu allora che ebbe l’illuminazione di istituire un corpo di volontari dedicato all’assistenza medica, senza fare distinzioni di casacca o nazionalità: nacque così la Croce Rossa. Con il passare del tempo, la Croce Rossa è cresciuta fino a diventare la più grande e diffusa organizzazione di volontariato nel mondo. Da quel momento storico fino ai giorni nostri, la presenza di un volontario Croce Rossa, riconoscibile dalla divisa distintiva, porta con sé un bagaglio di speranza, anche nei momenti più difficili.

Oggi, inoltre, si celebra la Giornata mondiale dedicata alla sensibilizzazione e alla prevenzione del tumore ovarico, la neoplasia ginecologica meno comune ma estremamente letale. È il settimo tumore più diffuso al mondo per incidenza e l’ottavo per mortalità, colpendo ogni anno circa 314.000 donne in tutto il mondo.

Accadde oggi: Il giorno precedente, il 7 maggio, una prima resa incondizionata era stata firmata nel quartier generale del comando supremo alleato a Reims, in Francia. Tuttavia, i russi richiesero un’altra firma, più solenne, a Berlino. L’8 maggio 1945, nel quartier generale sovietico di Karlshorst, il feldmaresciallo Wilhelm Keitel sottoscrisse la definitiva capitolazione della Germania nazista. La resa sarebbe stata effettiva dalle 23:00 dello stesso giorno, segnando la fine della guerra in Europa. Questo giorno è celebrato in vari Paesi come il “V-E Day”. Curiosamente, la data coincideva con il compleanno del presidente Truman, nato l’8 maggio 1884, che dedicò la vittoria alla memoria di Roosevelt, scomparso meno di un mese prima. Tuttavia, per gli Stati Uniti il conflitto doveva ancora proseguire per alcuni mesi nel Pacifico, fino alla capitolazione del Giappone. È degno di nota che proprio l’8 maggio del 1942 gli americani subirono la perdita della loro prima portaerei, la USS Lexington, affondata dai giapponesi alla fine della battaglia del Mar dei Coralli.

Altre notizie